Italia senza attaccanti, il consiglio sui social per Mancini è provocatorio

Italia
Roberto Mancini ©️LaPresse

Italia senza attaccanti, il consiglio social per Roberto Mancini è provocatorio. Ecco chi dovrebbe convocare in vista degli spareggi

Potrebbe diventare un altro incubo. Potrebbe. Perché su 12 squadre qualificate ai playoff, solamente in 3 andranno in Qatar. C’è il Portogallo, e c’è anche la Svezia. Intanto: tre gironi da quattro con semifinali e finali con gara secca e in caso di parità prima supplementari e poi eventualmente calci di rigori. Tutto d’un fiato. Per capire a cosa realmente è andata incontro la squadra di Mancini non riuscendo a superare la Svizzera tra andata e ritorno. Ma quello che maggiormente pesa, senza dubbio, è il pareggio interno contro la Bulgaria. Lì si è capito che le cose si sarebbero potute mettere male.

Ma cosa manca a questa Italia? Un attaccante. Sì, senza dubbio: uno di quelli che un qualunque pallone sporco dentro l’area di rigore, riesce a trasformalo in oro. O anche in argento andrebbe bene in questo momento. Visto che i nostri centravanti sembrano avere i piedi di piombo. Ah, e in tutto questo, quei quasi 60 milioni di allenatori che sono gli italiani, iniziano già a pensare a marzo e a chi dovrebbe convocare Roberto Mancini. La provocazione c’è.

LEGGI ANCHE: Irlanda-Italia, Rai sotto assedio | Polemiche social su Adani

Italia senza attaccanti, si pensa a Balotelli

Balotelli ©️LaPresse

Provocazione? Sì, sicuramente è così. Perché sui social spopola il nome di Mario Balotelli che dopo aver giocato in Serie B con il Monza, adesso cerca di tenersi in forma in Turchia, in una squadra dal nome impronunciabile che nemmeno gli stessi tifosi riescono a dire. “Lui le partite importanti non le sbaglia” scrive qualche utente sui social. Ma è davvero così? Abbiamo i nostri dubbi a riguardo. E vabbè che Balotelli potrebbe davvero – se in forma, e con la testa giusta – riuscire in qualche colpo che adesso manca ai vari Immobile, Belotti, Insigne e chi più ne ha più ne metta. Ma è altrettanto vero che Super Mario ormai appare un calciatore che ha preso la discesa. Repentina anche. E a pensare a quello che poteva essere e non è stato viene il magone.