Scambio di persona alle Atp Finals: la figuraccia Rai in diretta tv

Atp Finals
©Getty Images

Atp Finals, la gaffe contenuta nello spot della Rai ha scioccato i tifosi: ecco qual è stata la reazione del diretto interessato. 

Alexander Zverev è uno degli otto campioni del tennis che, nei prossimi giorni, si batteranno sulla superficie del Pala Alpitour contendendosi il titolo di Maestro. L’atleta tedesco è già a Torino e ieri ha fatto una passeggiata in centro insieme ai suoi rivali, godendosi le bellezze della città.

Leggi anche: Berrettini sale in cattedra: Cicerone per un giorno tra le strade di Torino

Qualcuno, in barba al suo metro e 98 di altezza, non dev’essersi però accorto della sua presenza. Non si spiega, altrimenti, come mai Zverev, che domani gareggerà contro il nostro Matteo Berrettini, sia stato letteralmente ignorato all’interno di uno spot andato in onda ieri sera durante la partita per le qualificazioni Mondiali tra Italia e Svizzera.

Nella pubblicità delle Nitto Atp Finals trasmessa dalla Rai per pubblicizzare la gara di domani sera, non c’è traccia di Zverev. Al suo posto c’è un’altra persona. E non proprio una a caso, a dirla tutta. Si tratta di un ragazzo che, guarda caso, gli assomiglia tantissimo.

Mischa Zverev alle Atp Finals. Anzi, no

Quello nello spot Rai non è Alexander, ma Mischa Zverev, fratello maggiore del tennista che dal 14 al 21 novembre 2021 parteciperà alle Finals di Torino. Anche lui è un atleta, solo che non è arrivato in alto tanto quanto il primo sfidante di Matteo Berrettini. Lui, ad oggi, è il numero 256 al mondo.

La gaffe ha diviso i tifosi. Qualcuno se l’è spassata, mentre qualcun altro ha ritenuto intollerabile e imperdonabile l’errore commesso da Mamma Rai. La reazione più esilarante, tuttavia, è stata quella del diretto interessato, che ha ben pensato di commentare l’accaduto sui social network.

Dopo aver pubblicato il video che testimonia l’errore dell’emittente, Mischa ha preferito far sapere ai suoi follower che no, purtroppo non era lui lo Zverev in gara a Torino, malgrado l’immagine dello spot ritraesse lui anziché il fratello.