Jacobs come Berrettini: costretto a fermarsi dopo l’exploit

Berrettini
©Getty Images

Dopo Berrettini si ferma anche Jacobs: il campione di Tokyo 2020 ha annunciato lo stop su Instagram. Ecco quando tornerà a gareggiare.

Dopo aver toccato il cielo con un dito, arrivando secondo a Wimbledon in barba ad ogni pronostico, Matteo Berrettini è stato costretto a fermarsi. Non lo ha deciso lui. Lo hanno deciso i suoi muscoli. Per via dell’infortunio rimediato sui prati londinesi, non ha potuto partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Leggi anche: Berrettini, doppia sfortuna: un altro infortunio manda tutto in fumo

Il nuovo astro nascente del tennis non l’ha presa bene. Dopo quell’exploit avrebbe voluto continuare a far sognare i tifosi italiani. Invece no. Sarà pronto, se tutto va bene, per gli Us Open. E i suoi fan, dopo oltre un mese di stop forzato e di tornei saltati, non vedono l’ora di rivederlo in campo.

Ma Matteo Berrettini non è il solo atleta alle prese con un “conto” da pagare dopo le fatiche di una prestigiosa competizione. Anche Marcell Jacobs, reduce da un’Olimpiade alquanto gloriosa, dovrà starsene per un po’ a riposo.

Non solo Berrettini: anche Jacobs è infortunato

Berrettini
Instagram

La notizia è arrivata come un fulmine a ciel sereno. E non è stata annunciata in maniera formale, ma per puro caso. Il velocista e lunghista italiano, campione nei 100 metri piani e nella staffetta 4×100, lo ha bensì svelato in maniera per nulla convenzionale: sui social network.

Era lì, che rispondeva alle domande dei fan tramite l’apposita box di Instagram, quando uno dei suoi follower gli ha chiesto quando e dove avremmo potuto rivederlo e apprezzarne le doti sportive. La risposta che Marcell Jacobs ha dato ha, per ovvie ragioni, spiazzato tutti quanti.

Ha scritto solo un laconico “2022”, lasciando intendere che per un po’ non potrà gareggiare. Anche nel suo caso, è tutta colpa di un infortunio alla cartilagine di un ginocchio. Senza trascurare, ovviamente, che prepararsi per le Olimpiadi è stato faticosissimo e che un po’ di relax, dopo il bagno di fama di Tokyo, è proprio quel che ci vuole per ritemprare la mente e, soprattutto, il corpo. Niente Diamond League, quindi, per Jacobs. Ma tranquilli: l’appuntamento con il campione che ha regalato un oro al Bel Paese è solo rinviato.