Bonus terme, fino a 200 euro di sconto per un soggiorno all’insegna del relax

Bonus terme
Pixabay

Bonus terme, tutto quello che c’è da sapere sul nuovo incentivo del governo che ti permette di ottenere uno sconto di 200 euro sui servizi termali.

Il decreto attuativo è stato messo nero su bianco, per cui è ormai ufficiale: il Bonus terme è diventato realtà. La misura, come facilmente intuibile, è stata pensata dal ministero dello Sviluppo economico per sostenere uno dei settori maggiormente colpiti dalla pandemia: quello dei servizi termali.

Leggi anche: Nuovo bonus tv, rottama e risparmi: come ottenere 100 euro di sconto

Il voucher può coprire il 100% della spesa in servizi, fino ad un massimo di 200 euro. Qualora il cittadino che ha diritto al bonus dovesse spendere di più, dovrà farsi carico dei costi non coperti. Detto ciò, vediamo chi, in base al decreto pubblicato in Gazzetta ufficiale, avrà diritto al Bonus terme.

L’interessantissimo incentivo è rivolto a tutti i cittadini maggiorenni residenti nel territorio del Bel Paese. Non ci sono limiti di Isee, per cui tutti possono usufruirne. Sarà premiata, in tal senso, la velocità. Solo i primi che riusciranno a richiederlo potranno godersi un soggiorno in totale relax in uno degli stabilimenti convenzionati.

Bonus terme, ecco da quando sarà possibile prenotare

Bonus terme
Instagram

I cittadini potranno prenotarsi sui siti del ministero e di Invitalia fino a che le risorse stanziate non saranno terminate. Alla misura sono stati destinati 53 milioni di euro, perciò bisognerà essere molto svelti per farla franca durante il cosiddetto click day del Bonus terme. Da abbinare, perché no, al Bonus vacanze, spendibile in molte strutture del territorio italiano.

Una volta ottenuto l’incentivo, bisognerà prenotare il proprio soggiorno presso uno degli stabilimenti termali accreditati. L’elenco dei centri convenzionati sarà reso noto a breve. A partire dal momento della prenotazione, si avranno 60 giorni di tempo per utilizzare il voucher e godere dei servizi termali.

Sarà direttamente lo stabilimento prescelto, a quel punto, a richiedere il rimborso a Invitalia. In attesa di godersi un po’ di sano relax nel Bel Paese, dopo questi lunghi ed estenuanti mesi di chiusure e restrizioni, non ci resta che sperare che le prenotazioni vengano aperte il prima possibile.