Berrettini è svanito nel nulla: la preoccupazione del suo coach

Berrettini
(Instagram)

Berrettini in silenzio stampa da una settimana. Ecco cosa ha detto il suo coach, Vincenzo Santopadre, a proposito di quello che sta succedendo. 

Sono giorni che Matteo Berrettini non si vede e non si sente. Da quando ha annunciato di non poter partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020, il campione romano s’è chiuso in un silenzio che il suono dell’amarezza. L’infortunio rimediato a Wimbledon non gli ha permesso di partire alla volta del Giappone. E lui, evidentemente, non riesce a farsene una ragione.

Leggi anche: Luigi Samele, c’è una medaglia d’oro nel palmares della sua fidanzata

Non una parla, sui social, neanche per la sua fidanzata, la tennista Ajla Tomljanovic, che sta rincorrendo una medagli olimpica all’altro capo del mondo. I suoi fan, insomma, sono molto preoccupati per il bel Berrettini.

E lo è anche, a ben vedere, anche il suo coach, Vincenzo Santopadre. Che, proprio qualche ora fa, ha rotto il silenzio svelando ai seguaci del tennista romano cosa stia effettivamente accadendo a Matteo. Quello che ha raccontato è quello che in molti avevano già ampiamente intuito.

Berrettini e Fognini ai ferri corti?

Fognini-Djere
Fabio Fognini ©️Getty Images

“Sono giorni che è intrattabile – ha riferito l’allenatore di Berrettini a Repubblica – affranto per questa rinuncia più di quanto non avessi previsto.” Non ha parlato solo di questo, Vincenzo Santopadre. Ha ben pensato di affrontare anche un altro argomento piuttosto scottante: l’intervista che Fabio Fognini ha rilasciato un paio di giorni fa.

Il tennista contestava sia la decisione di Berrettini di saltare le Olimpiadi – perché, a “causa” di ciò, non potrà partecipare al doppio – sia il fatto che il numero due di Wimbledon non lo chiami da un po’. Anche in questo caso, c’ha pensato il coach a chiarire come stanno le cose per davvero.

“A Fognini gli girano perché si è sentito dimenticato – ha detto – e sperava in una Olimpiade da medaglia anche in doppio.” Ha spiegato, poi, che Berrettini non avrebbe telefonato a Fognini perché, appunto, affranto per le Olimpiadi. Sminuisce comunque quanto accaduto, facendo notare che si tratti sì di un errore, ma “rimediabile”. Senza mai parteggiare né per l’uno e né per l’altro, Santopadre conclude così: “Hanno caratteri diversi – dice, in riferimento a Fognini e Berrettini – ma qualcosa che li avvicina e accomuna c’è, sono due ragazzi buoni, molto sensibili. Anche per questo hanno sempre avuto un rapporto di amicizia.”