Bitcoin, Elon Musk fa dietrofront: il suo tweet cambia le carte in tavola

Bitcoin
(Getty Images)

Bitcoin, il tweet di Elon Musk sconvolge i mercati finanziari. Ecco cos’ha detto stavolta l’imprenditore a proposito della criptovaluta.

Certi amori non finiscono, direbbe Antonello Venditti. Fanno dei giri immensi, aggiungerebbe, e poi ritornano. E lo sa bene Elon Musk, il cui cuore, sotto sotto, in fondo in fondo, continua a battere per la prima criptovaluta sulla quale aveva messo gli occhi in tempi non sospetti.

Leggi anche: Graduatorie personale ATA, la sospirata data di pubblicazione è arrivata

Poche settimane fa, il numero uno di Tesla sembrava aver detto addio per sempre a Bitcoin. E questo dopo che, nel mese di marzo, aveva annunciato ai suoi follower che le automobili della sua azienda potevano essere pagate tramite, appunto, criptovaluta. Ma come mai aveva deciso di fare retromarcia, ad un certo punto?

Quel che Musk aveva contestato, tramite un post da milioni di visualizzazioni, era il processo di mining, ossia di produzione, di Bitcoin. Un procedimento che, a quanto pare, sarebbe molto nocivo per l’ambiente poiché implica l’utilizzo di combustibili come il carbone, altamente inquinante.

Bitcoin “schizza” di nuovo: è l’effetto Elon Musk

Bitcoin
(Getty Images)

Il suo nuovo tweet, tuttavia, ha nuovamente rimesso tutto in discussione. Oltre ad aver sollevato un polverone, chiaramente, e influenzato, come spesso accade quando Elon Musk all’improvviso “cinguetta”, i mercati finanziari.

«Quando ci sarà conferma di un utilizzo ragionevole (del 50%) di forme di energia pulita da parte dei miners – ha scritto su Twitter l’imprenditore sudafricano – con un trend futuro positivo, Tesla tornerà a consentire le transazioni in Bitcoin». Nulla è ancora perso, dunque. E questa storia d’amore è tutt’altro che finita.

Le conseguenze del suo tweet sono state imprevedibili. Il numero uno di Tesla, come riferisce il Corriere della Sera, ha provocato un riassestamento sul mercato dei Bitcoin. Ma questa volta, per la gioia degli investitori, non più al ribasso, bensì al rialzo: la moneta è schizzata a +9%, raggiungendo il valore di 39.838 dollari.