Vidal ricoverato, Coppa America spostata: in Sudamerica il coronavirus fa ancora paura

Vidal ricoverato, Coppa America spostata: in Sudamerica il Covid fa ancora paura. Ecco cosa sta succedendo in queste ore. Alta tensione

Partiamo dalla notizia principale: il calciatore dell’Inter, Arturo Vidal, è ricoverato in Cile per Covid. Le sue condizioni non destano particolari preoccupazioni, ma lo staff della Nazionale ha preferito ricoverare il centrocampista per tenerlo sotto osservazione. Disidratato, si legge nel comunicato e, Vidal, ha voluto tranquillizzare tramite i social, spiegando di sentirsi bene. Poche preoccupazioni, al momento.

Non ci sarà, giovedì, quando il suo Cile affronterà l’Argentina per le qualificazioni ai prossimi Mondiali. Una perdita importante. Ma Vidal spera di recuperare per la Copa America, che inizierà il prossimo 13 giugno, proprio con la sfida, la seconda in pochi giorni, contro l’albiceleste. Il tempo per negativizzarsi ci sarebbe, anche se poi bisognerà capire quali saranno le reali condizioni fisiche del calciatore.

LEGGI ANCHE: Addio Donnarumma, le motivazioni del portiere: tifosi furiosi sui social con Zazzaroni

LEGGI ANCHE: Calciomercato Juventus, effetto domino | Ufficialità per Kobel e Aguero

Vidal ricoverato, cosa succede in Sudamerica

Borussia Inter
Il centrocampista dell’Inter Vidal (Getty Images)

Rimane il fatto, però, che in Sudamerica ancora il Coronavirus fa tanta, ma tanta, paura. Tanto da far spostare a poche settimane dell’inizio l’intera manifestazione. Inizialmente, la Copa America, si sarebbe dovuta giocare in Colombia e Argentina. Poi la prima nazione s’è defilata. E nelle ultime settimane anche la seconda. Quindi, da ieri, è ufficiale che tutte le partite in programma si giocheranno in Brasile, che ha colpo al balzo l’occasione e che avendo le strutture a posto, dopo aver ospitato il Mondiale  qualche anno fa, è pronto per garantire la sicurezza necessaria.

Saranno comunque settimane calde. Non c’è dubbio. Settimane in cui può succedere di tutto. Ma si spera che le cose possano migliorare, magari innalzando la guardia e soprattutto cercare di evitare comportamenti poco corretti correlati al periodo che ognuno di noi sta vivendo.