Dogecoin, oggi 20 aprile è il “DogeDay”: qual è l’obiettivo degli investitori

Dogecoin
(Getty Images)

Dogecoin, in occasione della giornata dedicata alla valuta digitale gli investitori hanno fissato un obiettivo molto ambizioso. Ecco di cosa si tratta. 

È stata una settimana movimentatissima, per le criptovalute. Sia per l’ingresso al Nasdaq della piattaforma di trading Coinbase, l’unica a trattarle in vendita e in acquisto, e sia perché Elon Musk c’ha messo del suo. Facendo letteralmente impazzire, con i suoi tweet sempre sul pezzo, la Borsa e i mercati.

Leggi anche: Dogecoin e altre criptovalute, perché conviene attivare le notifiche di Elon Musk su Twitter

Dogecoin, in particolar modo, la valuta digitale nata per scherzo, ha raggiunto risultati fenomenali grazie alle “sponsorizzazioni” social dell’amministratore delegato di Tesla. La criptovaluta cresce esponenzialmente di minuto in minuto. Basti pensare che, nelle ultime 24 ore, il suo valore è salito di un ulteriore 25%.

Il tutto mentre le altre criptovalute, incluse l’ancor più nota Bitcoin ed Ethereum, sono inesorabilmente crollate. Ad oggi, la criptomoneta simboleggiata dal cane Shiba Inu è la quinta più grande al mondo. Che per un esperimento nato per gioco, senza alcuna ambizione, non è mica male, no?

Dogecoin, il prezzo cresce di ora in ora

Dogecoin
(Getty Images)

Oggi è un giorno importante, per Dogecoin. È il DogeDay, ragion per cui i suoi fan hanno intenzione di fare “festa” grande. Tenteranno, dall’alba al tramonto, di spingere il prezzo della criptovaluta sempre più su. Si tenterà, addirittura, di farlo schizzare a quota 1 dollaro.

Non è una missione impossibile. Anzi. Se consideriamo che il suo prezzo è già salito del 16,5%, da novembre ad aprile, ci sono tutti i presupposti necessari per credere che le cose vadano come si spera. In queste ore si sta registrando una tendenza al rialzo, perciò gli investitori potrebbero riuscire in questa titanica impresa.

Bitcoin, dal canto suo, sta vivendo il suo momento peggiore. Il suo prezzo è precipitato del 15% nella serata di sabato, dopo mesi di grande successo e dopo, soprattutto, aver stabilito svariati record. Da febbraio, quella del 17 aprile è stata per la famosissima criptovaluta la giornata più lunga e disastrosa.