iPhone, Siri cambia volto col nuovo aggiornamento: le novità in arrivo

iPhone
(Pixabay)

iPhone, l’aggiornamento iOS 14.5 porterà con sé diverse novità sugli smartphone e sugli altri dispositivi Apple. Ecco di cosa si tratta. 

Nella versione italiana di iOS ha una voce femminile. In altre, invece, ha un timbro maschile. Ma Siri, l’assistente virtuale sviluppato da Apple, potrà presto essere personalizzato dall’utente grazie all’aggiornamento 14.5, finalmente in dirittura d’arrivo anche nel Bel Paese.

Leggi anche: Android, allarme rosso: il finto aggiornamento che mette ko il tuo smartphone

Una manovra all’insegna del politically correct, quella dell’azienda di Cupertino, che sta manifestando, così facendo, il proprio impegno in favore dell’inclusione. La novità riguarderà non solo gli iPhone, ma tutti i prodotti Apple, inclusi iPad e Mac che possono contare, al pari degli smartphone, sul prezioso assistente vocale.

L’aggiornamento in cantiere permetterà, sostanzialmente, di configurare da zero ogni singolo dettaglio di Siri. Con iOS 14.5 ognuno potrà quindi selezionare il timbro della voce: non si troverà più impostata sui dispositivi, come condizione di default, la voce femminile che ci ha accompagnati in questi anni.

Siri cambia voce e accento su iPhone e non solo

iPhone
Il quartier generale di Apple (Getty Images)

La novità che riguarda Siri non è volta solo a contrastare stereotipi e discriminazioni. L’intento della mitica azienda fondata da Steve Jobs è anche quello di rendere ancor più realistica l’esperienza e l’interazione con l’assistente vocale.

Basti pensare, a riprova di ciò, che la versione inglese di iOS include già una vastissima varietà di accenti tra cui scegliere. Grazie ad essi, la voce di Siri ha un suono incredibilmente naturale, al punto che ci si potrebbe dimenticare che si sta parlando con un software e non con una persona in carne ed ossa.

Non è questa, ad ogni modo, l’unica novità in arrivo con l’aggiornamento iOS 14.5. Una volta installato sui dispositivi con esso compatibili, introdurrà anche un sistema di ricalibrazione del rilevamento dello stato della batteria. Questo permetterà, in soldoni, di stimare in modo più preciso e attendibile quanto ancora durerà la carica a nostra disposizione.