La primavera ha fatto presto: l’equinozio di oggi dà il via alla bella stagione

Primavera
(Pixabay)

L’equinozio di primavera è arrivato con 24 ore di anticipo. E oggi si celebra anche la Giornata mondiale della felicità. 

Dalle temperature e dal maltempo che sembra imperversare indistintamente, da Nord a Sud, non si direbbe. Eppure, oggi è quel giorno dell’anno. Quello dell’equinozio di primavera. “Ma come?”, vi starete certamente chiedendo. La stagione in cui la natura rifiorisce, da che mondo è mondo, inizia il 21 di marzo, non il 20.

Leggi anche: Tutti pazzi per Olga Kalenchuk: la Diletta Leotta d’Ucraina conquista gli italiani

E sarebbe un’obiezione più che lecita, la vostra, se non fosse che quest’anno l’equinozio arriva, in via del tutto eccezionale, un giorno prima del previsto. Nell’emisfero boreale la primavera è quindi ufficialmente iniziata alle 10:37 di oggi, ora italiana, in barba alla neve e alla pioggia che ci terranno compagnia nell’arco di questo ennesimo weekend pandemico.

Ma come mai l’equinozio non ha una data fissa? Semplice: l’inizio della primavera astronomica cade sempre tra il 19 e il 21 marzo e dipende dal tempo che la Terra impiega ad effettuare un giro completo intorno al Sole. Cosa che, come ben sappiamo, non richiede sempre e comunque 365 giorni, ma a volte qualche ora in più.

La primavera 2021 inizia nella Giornata mondiale della felicità

Primavera
(Pixabay)

Sarà un caso, forse, ma è quanto mai curioso che quest’anno l’equinozio di primavera coincida con un’altra ricorrenza molto particolare. Oggi si festeggia infatti a tutte le latitudini la Giornata mondiale della felicità, istituita nel 2012 dall’Assemblea generale dell’Onu.

In condizioni normali certamente ci si sarebbe adoperati per festeggiarla in modo degno, ma le restrizioni dovute al Covid-19, come facilmente intuibile, non ce lo permettono. Ciò non toglie che ognuno possa comunque celebrarla a modo proprio, tenendo sempre bene a mente il principio che ha spinto l’Onu ad istituire questa Giornata. Quel principio in virtù del quale la ricerca della felicità è uno scopo fondamentale dell’umanità.

Cosa di cui l’Italia sembra a volte non essere cosciente, visto e considerato che il Bel Paese è 30esimo nel World Happyness Report 2021. In cima alla classifica che ogni anno viene redatta dal Gallup World Poll ci sarebbe la Finlandia, che è risaputamente ormai da tempo una vera e propria isola felice, seguita a ruota dalla Danimarca e dalla Svezia.