Alberto Tomba, quella volta che i Maneskin non lo hanno riconosciuto

Alberto Tomba
(Getty Images)

Alberto Tomba arriva a Sanremo in qualità di ambassador delle Olimpiadi di Milano-Cortina. Ma vi ricordate della gaffe dei Maneskin nel salotto di Cattelan?

Di personaggi iconici del mondo dello sport, dal palco dell’Ariston, ne sono passati diversi, in questa 71esima edizione del Festival di Sanremo. Zlatan Ibrahimovic non è certo stato l’unico, infatti, a varcare la soglia del mitico teatro, blindatissimo per via del Covid e delle misure di sicurezza imposte dal governo.

Leggi anche: Chi vince Sanremo 2021, il voto del pubblico: la top five sorprende

Stasera, in occasione della finalissima della kermesse che celebra la canzone italiana, arriverà un altro, indimenticabile, campione del passato. Stiamo parlando di Alberto Tomba, ex gloria dello sci italiano, che è stato invitato insieme a Federica Pellegrini per lanciare ufficialmente i loghi delle Olimpiadi di Milano-Cortina del 2026.

Ha un primato speciale, nella città dei fiori, il grande Alberto Tomba. I millennials probabilmente non lo sapranno, ma è stato l’unico, in 70 anni di storia, a “fermare” il Festival di Sanremo. Correva l’anno 1988, quando la sua partecipazione alle Olimpiadi invernali in Canada costrinse la Rai ad interrompere la diretta del 27 marzo.

Alberto Tomba, quella volta che Sanremo si fermò per lui

Erano altri tempi, certamente. Tempi in cui gli italiani non avrebbero avuto il benché minimo dubbio su cosa guardare in tv, se ci fossero stati, contemporaneamente ma su due canali diversi, Tomba e Sanremo sul piccolo schermo. E così, per evitare il flop, i conduttori Miguel Bosè e Milly Carlucci dovettero collegarsi, durante la gara canora, con il Canada, affinché i telespettatori potessero godersi le gesta dello sciatore in tutta tranquillità. Quella sera, con 24 milioni di persone incollate alla tv, vinse la medaglia d’oro nello slalom speciale.

Ed è buffo pensare che oggi, a 30 anni di distanza, sul palco di Sanremo ci sia in gara qualcuno che non sa neanche che faccia abbia, Alberto Tomba. Ci riferiamo ai Maneskin che, qualche tempo fa, nello studio di “E poi c’è Cattelan“, sono stati coinvolti in un quiz dal padrone di casa.

Cattelan mostrò ai membri della band una foto del mitico sciatore, chiedendo loro che ruolo avesse avuto negli anni ’80, quando era all’apice della carriera. Ha fornito ai giovani artisti 3 opzioni: premio Nobel per la fisica, poeta o campione olimpico. La risposta di Ethan, convinto che Alberto Tomba avesse vinto il Nobel, è stata esilarante al punto da far venir giù lo studio. Lo avevate rimosso, questo episodio, oppure lo ricordavate?