WhatsApp rilancia: la nuova funzione vi farà dimenticare Telegram e Signal

WhatsApp
(Pixabay)

WhatsApp guadagna terreno: con il nuovo aggiornamento, sarà introdotta una funzione rivoluzionaria. Ecco di cosa si tratta e perché i competitor tremano. 

Oltre ad introdurre tanti sticker animati gratis per WhatsApp, la piattaforma più amata di tutti i tempi è in procinto di lanciare un’altra novità pazzesca. Una funzionalità che, nel momento in cui sarà finalmente operativa, manderà in brodo di giuggiole gli appassionati dell’instant messaging. E farà rosicare, molto probabilmente, la concorrenza.

Leggi anche: WhatsApp, sticker animati gratis: cosa cambia col nuovo aggiornamento

Si tratta di qualcosa che ha a che vedere con il tema più caldo del momento, ossia la privacy. L’opzione della quale si sta vociferando permetterà, infatti, di salvaguardare in modo sempre più efficiente i propri contenuti e di tenerli, così facendo, costantemente sotto controllo.

Siete curiosi di sapere di cosa si tratti? Vi accontentiamo subito. La novità della quale stiamo parlando riguarda le foto che si autodistruggono su WhatsApp. I test sono iniziati da poco, sia su iOS che su Android, ma la feature dovrebbe essere rilasciata tra non molto.

Foto a tempo, l’incredibile novità di WhatsApp

WhatsApp
(Pixabay)

Come funzionano le foto che si autodistruggono su WhatsApp? Stando a quanto finora trapelato, pare che le immagini condivise con i partecipanti si cancelleranno automaticamente dalla conversazione nel momento in cui l’utente uscirà dalla chat in questione.

Il nuovo aggiornamento, tuttavia, permetterà d’impostare un apposito contatore, che dovrebbe teoricamente comparire a sinistra della foto stessa. Cliccandoci sopra, come riferiscono i bene informati, si potrà attivare un timer, al termine del quale il contenuto “scadrà” e scomparirà dalla chat.

Quando l’aggiornamento relativo alle foto che si autodistruggono su WhatsApp sarà rilasciato, si potrà anche decidere se permettere o meno la copia e l’importazione delle immagini da noi condivise. Fermo restando che sarà sempre possibile, tramite gli screenshot, “salvare” i contenuti che non vogliamo effettivamente perdere.