Prima GameStop, ora Nokia. Ma c’è un motivo dietro il boom delle sue azioni

GameStop
(Getty Images)

GameStop, anche il prezzo delle azioni di Nokia lievita all’improvviso. Ecco perché l’azienda finlandese è tornata sotto il riflettori. 

Sembrano lontanissimi i tempi in cui i device targati Ericsson e Nokia erano il non plus ultra in fatto di tecnologia e telefonia cellulare. E invece, a ben vedere, non sono poi così distanti. La Borsa e i mercati riferiscono, infatti, di un inaspettato boom dei due colossi che hanno dominato, del tutto incontrastati, la generazione dei dispositivi pre-smartphone.

Leggi anche: Bitcoin, il parere di Elon Musk su Clubhouse fa schizzare la criptovaluta

A dare il via a questo nuovo trend positivo è stato, la scorsa settimana, il gigante svedese Ericsson, che ha riferito di aver ottenuto ottimi guadagni nell’ultimo trimestre. E la multinazionale finlandese, come accennavamo, sembra averlo seguito a ruota. Quasi come se nell’aria si fosse diffuso un ottimismo tale da essere contagioso.

Nokia si appresta quindi, a quanto pare, a vivere un secondo momento d’oro. Il prezzo delle sue azioni è schizzato da 4,83 dollari a 5,79. Il che, tradotto in soldoni, significa che il margine di guadagno per gli investitori è salito, anch’esso, a quota 20%. Non male, per un’azienda che sembrava ormai in declino.

Nokia come GameStop, ma con una marcia in più

GameStop
(Getty Images)

E se l’exploit di Nokia vi sembra familiare, sì, lo è. Questo boom improvviso e inaspettato ricorda tantissimo quello di cui, nei giorni scorsi, si è resa protagonista l’azienda statunitense GameStop. Salvata in estremo, come certamente ricorderete, da Reddit, il gruppo d’imprenditori “ribelli” che sta sfidando i giganti di Wall Street sostenendo i titoli in caduta.

C’è una grossissima differenza, tuttavia, tra le due vicende. GameStop, al di là di quello che è successo, non ha chissà quali prospettive di vita. Il mercato è saturo e l’azienda, così come tante altre, è stata purtroppo surclassata da e-commerce ben più potenti. A differenza sua, invece, la finlandese Nokia ha un asso nella manica non indifferente.

Il fatto che stia puntando tutto sul 5G fa di essa un’azienda molto più appetibile in termini di investimenti e di guadagni. Ha un margine di crescita enorme, se si considera che questa nuova tecnologia wireless sta per essere lanciata in tutto il mondo e che i cybernauti la stanno aspettando a braccia aperte. Che sia giunta l’ora, per Nokia, di mettere ko i competitor e di riprendersi ciò che un tempo era suo? Vedremo.