Wrestling, addio a Tommy Lister: fu anche attore per Tarantino

Tommy Lister
Il wrestler e attore Tommy Lister (Getty Images)

Tommy Lister, icona del wrestling, è scomparso a 62 anni. A piangerlo è anche il mondo del cinema: “Tiny”, il gigante buono aveva infatti recitato in un cult di Tarantino.

Lo hanno trovato privo di vita nella sua casa di Marina Del Rey, in California. A mettere ko Tommy Lister, alias Tiny, cosa che sul ring non era così semplice da fare, vista la sua stazza, potrebbe essere stato il Covid-19. Come raccontato dalla sua manager Cindy Cowan a People, il wrestler lamentava da qualche giorno alcuni dei sintomi tipici del Coronavirus.

Leggi anche: Ghiotto di avocado e salmone? C’è qualcosa che devi sapere

Sarebbe stato troppo debole, tuttavia, sia per recarsi a visita dal suo medico di fiducia e sia per sottoporsi al tampone. A trovarlo privo di vita sarebbe stato un suo caro amico, che si sarebbe recato a casa sua preoccupato per il fatto che Tommy non rispondesse al telefono già da qualche ora. È l’ennesimo wrestler che scompare in età relativamente giovane (leggi qui quali sono gli altri).

Dall’alto del suo metro e 96, Tommy Lister, classe ’58, ha avuto una carriera eclettica, ricca di esperienze e di grandi soddisfazioni personali. La prima incursione nel mondo del cinema risale al 1985, ma abbandonò la sua carriera di wrestler per dedicarsi esclusivamente alla recitazione nel 1996, al termine della World Championship Wrestling.

Tommy Lister, dal ring al set cinematografico

Tommy Lister
Tommy Lister ha recitato anche in un film di Quentin Tarantino (Getty Images)

Una volta sceso definitivamente dal ring, il gigante dell’Arkansas è stato assoldato in diversi film di successo. Primo fra tutti “Jackie Brown” del magistrale Quentin Tarantino, ma è doveroso anche sottolineare il fatto che Tommy Lister abbia recitato in un altro del decennio scorso: “Il cavaliere oscuro“, di Christopher Nolan.

L’ex wrestler è apparso anche nell’acclamatisima serie di “Austin Powers” e nelle pellicole “Il quinto elemento“, “Un diavolo a Manhattan” e “Ci vediamo venerdì“. Una carriera cinematografica di tutto rispetto, insomma, che denota quanto grande fosse la passione di Tommy Lister per il grande schermo.

Ironia della sorte, in questo weekend avrebbe dovuto lavorare nell’ambito di un nuovo progetto. Aveva appuntamento sul set, ma era stato costretto ad annullare l’impegno per via delle sue condizioni di salute. Mai pensando, probabilmente, che non vi avrebbe più potuto fare ritorno.