Europa League, tutte le combinazioni per passare il turno

Europa League
Il Siviglia alza il trofeo dell'Europa League nell'edizione 2019-2020 (Getty Images)

Europa League, mancano 180 minuti alla conclusione della fase a gironi. Due partite nelle quali molte squadre si giocheranno la possibilità di andare avanti nella competizione.

Allo stato attuale Arsenal, Roma, Leicester e Hoffenheim, hanno già staccato il pass per i sedicesimi di finale. Fuori dalla lotta invece, Cska Sofia, Dundalk, Rijeka, Celtic, Qarabag, Ludogorets e Gent.

Nella quinta giornata potrebbero ottenere la qualificazione matematica Young Boys, Slavia Praga, Bayer Leverkusen, Rangers, Benfica, Granada, PSV Eindhoven, Napoli, Real Sociedad, AZ Alkmaar, Braga, Lille, Milan, Villarreal, Maccabi Tel-Aviv, Anversa, Tottenham, Dinamo Zagabria, Feyenoord e Stella Rossa.

Analizziamo la situazione nel dettaglio, per capire meglio quali potrebbero essere i verdetti definitivi nella serata di giovedì.

Europa League, i possibili verdetti della quinta giornata

Nel gruppo A solo la Roma è già sicura della qualificazione. Ai giallorossi andrà bene anche un pareggio con lo Young Boys per essere promossa ai sedicesimi come prima. Gli svizzeri, invece, devono guardarsi le spalle dal Cluj, che verosimilmente non dovrebbe avere problemi a battere il Cska Sofia, ultimo in classifica e già certo dell’eliminazione. Il Cluj ha tre punti in meno rispetto allo Young Boys e la possibilità di giocarsi il tutto per tutto nello scontro diretto a Berna tra una settimana: ovviamente i rumeni tiferanno Roma.

Nel gruppo B di Europa League, l’Arsenal chiuderà il girone come primo se non perde con il Rapid Vienna oppure se viene sconfitto 1-0 e contemporaneamente il Molde non riesce a battere il Dundalk. Austriaci e norvegesi sono entrambi appaiati a sei punti e si giocheranno il secondo posto nello “spareggio” dell’ultima giornata: il Molde, attualmente, è in vantaggio negli scontri diretti in virtù dell’1-0 dell’andata contro il Rapid. Niente da fare, invece, per il Dundalk.

Europa League
Un momento del match tra Rapid Vienna e Dundalk (Getty Images)

Europa League: i gruppi C e D

Nel gruppo C, Slavia Praga e Bayer Leverkusen si qualificheranno se eviteranno la sconfitta nelle sfide contro Hapoel Beer Sheva e Nizza. Entrambe sono a quota nove punti a sei lunghezze dalle altre due. Addirittura il Leverkusen potrebbe essere qualificato anche se perde con almeno tre gol di scarto in Francia, a patto, però, che lo Slavia Praga non perda contro l’Hapoel. Destino simile per francesi e israeliani, che hanno l’unica opzione della vittoria per evitare l’eliminazione.

Nel gruppo D, Rangers e Benfica sono vicinissime alla qualificazione. Se i Rangers battono lo Standard Liegi passano, ma potrebbero anche pareggiare se il Lech Poznan non riesce a battere il Benfica. La squadra di Gerrard è matematicamente prima se vince e il Benfica viene sconfitto dai polacchi. Stesso discorso per i portoghesi, che in classifica hanno otto punti come i Rangers. Per sperare ancora Lech e Standard devono ottenere per forza i tre punti.

La situazione negli altri gruppi

Nel gruppo E, gli spagnoli del Granada comandano la classifica con 10 punti, segue il Psv con 6, il Paok con 5 e l’Omonia con 1. Gli iberici voleranno ai sedicesimi se non perdono con il Psv o se il Paok non batte l’Omonia. Viceversa, il Psv per passare con un turno d’anticipo è costretto a battere il Granada e sperare che il Paok perda con i ciprioti. Verosimilmente greci e olandesi si giocheranno la qualificazione all’ultima giornata. Quasi spacciato l’Omonia.

Nel gruppo F, il Napoli è padrone del proprio destino: primi a quota nove punti, gli azzurri passano se battono l’Az Alkmaar, terzo appaiato a sette punti con la Real Sociedad. Gli spagnoli invece, che molto probabilmente liquideranno il Rijeka già eliminato e ancora a zero, devono vincere e sperare che il Napoli batta l’Az. Anche gli olandesi potrebbero andare ai sedicesimi, ma solo se battono il Napoli e allo stesso tempo la Real Sociedad non batte il Rijeka.

Leggi anche: Roma-Young Boys, Europa League: pronostici

I gironi G e H

Nel gruppo G, pochi grattacapi per il Leicester, che sarebbe sicuro del primo posto – i Foxes sono primi con dieci punti – se batte lo Zorya. In realtà qualsiasi risultato che sia lo stesso di quello del Braga, qualificherebbe come primo il Leicester, in vantaggio negli scontri diretti coi portoghesi, a quali basterebbe vincere per passare, oppure un pareggio, a meno che lo Zorya non batta il Leicester. Insomma, Aek Atene e Zorya, entrambi a quota tre punti, possono essere ancora in gioco solamente con un successo a testa.
Nel gruppo H, il Lille ha 8 punti, uno in più del Milan e due in più dello Sparta Praga. Chiude la classifica il Celtic che non può più arrivare ai sedicesimi. I francesi si qualificano se vincono con lo Sparta, oppure se pareggiano e il Milan non batte il Celtic. I rossoneri invece devono sconfiggere il Celtic e sperare che lo Sparta perda in Francia.

Europa League
Il tecnico del Lille, Christophe Galtier (Getty Images)

Nel gruppo I la classifica recita: Villarreal 10 punti, Maccabi Tel Aviv 7, Sivasspor 6 e Qarabag 0. Gli uomini di Unay Emery si qualificano se non perdono contro il Sivasspor, ma anche se – ipotesi remota – il Maccabi dovesse naufragare contro il Qarabag già fuori dalla competizione. I turchi potrebbero ancora farcela: anche perdendo sarebbero in gioco, a meno che il Maccabi venga fermato dagli azeri.

Cosa serve a Tottenham, Dinamo Zagabria e Stella Rossa

Nel gruppo J solo il Ludogorets, ultimo a zero punti, non può più qualificarsi. Anversa e Tottenham duelleranno a distanza per il primo posto, visto che guidano il girone con nove punti. Terzo incomodo il Lask Linz che sarà eliminato se perde contro gli Spurs oppure se pareggia e l’Anversa ottiene almeno un punto contro i bulgari. Belgi e inglesi, dunque, molto vicini alla qualificazione.

Nel gruppo K La Dinamo Zagabria, prima con otto punti, ha tre opzioni per passare il turno: si qualifica se batte il Feyenoord, se pareggia e il Cska Mosca non batte il Wolfsberg oppure se perde e il Cska pareggia. Insomma, per i croati è praticamente fatta. Gli olandesi, secondi a quota cinque, se vogliono i sedicesimi con un turno d’anticipo devono vincere con la Dinamo e tifare Cska contro il Wolfsberg. Austriaci e russi, rispettivamente 4 e 3 punti, giocano contro e saranno eliminati quasi sicuramente in caso di sconfitta, specie se il Feyenoord dovesse ottenere i tre punti con la Dinamo.

Nel gruppo L Stella Rossa (9 punti) e Hoffenheim (12 punti) giocano una contro l’altra e potrebbe andare bene un pari ad entrambe per festeggiare la qualificazione. Se i tedeschi pareggiano, inoltre, sono matematicamente primi. La Stella Rossa potrebbe in realtà anche perdere, a meno che lo Slovan Liberec (3 punti) non batta il Gent, con zero punti e ormai eliminato. L’unico modo che hanno i cechi per rimanere in vita è vincere assolutamente contro il Gent e sperare in un successo dell’Hoffenheim a Belgrado.