Brasile-Italia Mondiali 1970, su Raisport

(bigstockphoto)

Nel 1970, due anni dopo aver vinto il Campionato Europeo, la nazionale italiana di calcio fu protagonista anche nei Mondiali, manifestazione in cui non riusciva a brillare dal 1938, quando aveva conquistato il titolo iridato per la seconda volta consecutiva.

L’Italia iniziò quella celebre edizione messicana piazzandosi al primo posto nel proprio girone: batté la Svezia per 1-0, prima di pareggiare per 0-0 contro Uruguay e Israele. Poi, nei quarti, sconfisse i padroni di casa con un netto 4-1. Il meglio, però, doveva ancora venire: il 17 giugno 1970, infatti, gli azzurri disputarono una partita memorabile, probabilmente la più bella della storia del calcio. La squadra allenata da Ferruccio Valcareggi rimase in vantaggio per quasi tutti i tempi regolamentari: Roberto Boninsegna sbloccò il risultato già al minuto numero 8, ma al 90′ la Germania Ovest pareggiò con Karl-Heinz Schnellinger. Si andò, quindi, ai supplementari, che furono ricchissimi di emozioni. Gerd Muller portò avanti i nostri avversari, ma Tarcisio Burgnich e Gigi Riva ribaltarono di nuovo la situazione. Il solito Muller riequilibrò il risultato, sfruttando una disattenzione di Gianni Rivera, il quale non si perse d’animo e fu in grado di riscattarsi immediatamente, firmando il definitivo 4-3. Nel frattempo, Franz Beckenbauer era rimasto in campo con un braccio fasciato lungo il corpo: infortunatosi a una spalla, non poteva essere sostituito, perché Helmut Schon aveva esaurito i cambi.

Italia-Brasile, la finale dei Mondiali 1970

In finale, l’Italia trovò di fronte a sé un Brasile formidabile, in grado di schierare contemporaneamente Rivelino, Jairzinho, Gerson, Tostao e il mitico Pelé, che diede l’immediato vantaggio ai verdeoro con un impressionante stacco di testa. Boninsegna realizzò l’1-1 al 37′ del primo tempo, ma la nazionale brasiliana dilagò nella ripresa, durante la quale Gerson, Jairzinho e Carlos Alberto entrarono nel tabellino dei marcatori. Al minuto numero 84, a partita ormai ampiamente chiusa, Valcareggi fece entrare Rivera, stavolta al posto di Boninsegna e non di Sandro Mazzola, con cui era stato precedentemente protagonista di una storica staffetta. In tutto il Mondiale, il commissario tecnico azzurro concesse ai due campioni di Inter e Milan di giocare insieme soltanto per pochi giri d’orologio, quando non avevano più la possibilità di incidere: una scelta clamorosa, che fa tuttora discutere.

Anche una finale persa, soprattutto se disputata contro una squadra leggendaria e dopo aver vinto un’epica semifinale, può rappresentare un motivo d’orgoglio per una nazione. Oggi, Rai Sport riproporrà a partire dalla 22 quella sfida del 21 giugno 1970 tra Brasile e Italia, visibile anche in streaming a questo link.

Brasile-Italia, il tabellino

21 giugno 1970 – Estadio Azteca di Città del Messico

BRASILE: Felix, Carlos Alberto, Everaldo, Clodoaldo, Wilson Piazza, Brito, Jairzinho, Gerson, Tostao, Pelé, Rivelino.
ITALIA: Albertosi, Burgnich, Facchetti, Bertini (74’ Juliano), Rosato, Cera, Domenghini, Mazzola, Boninsegna (84’ Rivera), De Sisti, Riva.
ARBITRO: Rudi Glockner.
MARCATORI: 18′ Pelé, 37′ Boninsegna, 66′ Gerson, 71′ Jairzinho, 86′ Carlos Alberto.

Leggi anche —> Italia-Jugoslavia Europei 1968, su Rai Sport