La Premier League non ripartirà prima del 30 aprile

Liverpool
(bigstockphoto/anutr)

La Federazione calcistica inglese ha comunicato che la Premier League e ogni altra competizione calcistica inglese non riprenderanno prima del 30 aprile. La decisione, condivisa con le associazioni dei calciatori e degli allenatori, è arrivata al termine di un incontro con i venti rappresentanti delle squadre del campionato. In un precedente annuncio la Federazione aveva provvisoriamente sospeso il calcio soltanto fino al 3 aprile.

Nella stessa riunione di oggi, giovedì 19 marzo, la Federazione ha stabilito che – date le circostanze eccezionali – la stagione 2019-2020 potrà proseguire oltre i tempi massimi previsti da regolamento. L’articolo 8 (a) prevede infatti che la stagione non possa terminare oltre il 1° giugno. Nello stesso comunicato la Federazione specifica di aver sostenuto la decisione della UEFA di rinviare gli Europei di calcio.

“La progressione dei contagi da Covid-19 rimane poco chiara, e possiamo soltanto rassicurare tutti sul fatto che la salute e il benessere dei giocatori, dello staff e dei tifosi è la nostra priorità. Continueremo a seguire le indicazioni del Governo e a collaborare attivamente per tenere la situazione sotto controllo e valutare tutti i modi possibili per riprendere la stagione di calcio quando le condizioni lo permetteranno”.

Leggi anche —> Super Lig Turchia: sarà l’ultimo campionato ad arrendersi?