Formula 1: i pronostici sul Gran Premio della Germania

pronostici formula 1 gran premio germania

La Mercedes ha ottenuto la pole position senza alcuna valida concorrenza nel Gran Premio della Germania del 2019 di Formula 1, a Hockenheim. Dopo un venerdì di prove libere poco rassicurante – con temperature elevate la macchina non andava poi così bene – Lewis Hamilton ha fatto meglio di Max Verstappen, finito secondo con la sua Red Bull, e del suo compagno di squadra Valtteri Bottas, che si è classificato terzo. Per la Ferrari è stata una giornata storta, e nemmeno la prima nel 2019.

Leclerc, da molti definito il più serio candidato alla pole position, era andato forte in tutte le precedenti prove libere e anche nella sessione di qualifica. Tra la fine della seconda manche e l’inizio della terza, i meccanici si sono accorti di un problema sulla sua macchina relativo all’impianto di pompaggio del carburante. E Leclerc è sceso dalla macchina e, senza poter girare, ha dovuto accontentarsi del peggior piazzamento in Q3: il decimo posto.

Sebastian Vettel non ha completato nemmeno un giro cronometrato e ha di fatto saltato tutta la qualifica. Era appena uscito dal garage quando si è accorto del guasto già nel giro di lancio per il suo primo tentativo in Q1. Si è poi scoperto che si è trattato di un problema al refrigeratore del turbo della power unit.

Mattia Binotto, team principal e responsabile tecnico della Ferrari, ha cercato di descrivere i problemi tecnici capitati sulle macchine di Vettel e Leclerc. Sottolineando però l’atipicità ed eccezionalità di quei guasti – non è la prima volta, in questa stagione – ha forse finito per aggravare la situazione invece che ridurre le preoccupazioni.

La griglia di partenza

Il meteo

Le previsioni meteorologiche consultate e riferite venerdì dai commentatori portavano pioggia a Hockenheim, nella regione di Baden-Württemberg, per buona parte della giornata di sabato. Sabato c’è stato un obiettivo abbassamento delle temperature – fattore favorevole per la Mercedes – ma nessuna precipitazione significativa. I principali servizi meteorologici danno più o meno le stesse possibilità di pioggia a Hockenheim anche per la giornata di domenica.

Secondo BBC, i cui servizi meteorologici sono forniti in collaborazione con l’azienda MeteoGroup, c’è un 53 per cento di probabilità di pioggia al momento della partenza. Più o meno simili sono anche le probabilità di precipitazioni riferite da Accuweather.

I pronostici per la gara

Nonostante le profonde modifiche subite nel corso degli anni la pista di Hockenheim, sede storica del Gran Premio della Germania di Formula 1, rimane una pista molto veloce. L’alternanza di numerose parti rettilinee e di almeno una brusca frenata, in curva 6, offre ampie possibilità di sorpassi. Molto probabilmente, in circostanze normali e in condizioni di pista asciutta, non basterà a permettere alle Ferrari di risalire fino a contendere la vittoria a Hamilton o a Verstappen. Leclerc ha concrete possibilità di finire sul podio, superando agevolmente la Red Bull di Pierre Gasly e almeno un pilota tra Bottas e Verstappen. È sembrato per gran parte del weekend il pilota più in forma, Leclerc, e questo lo mette in ogni caso nelle condizioni di poter ambire quantomeno al giro più veloce.

Per Vettel potrebbe non essere così semplice. Eventualmente, oltre a una magnifica partenza e a una strepitosa prima parte di gara, servirà qualche clamoroso fuori programma, per riportarlo sul podio. La pioggia sarebbe l’evento più auspicabile, dal suo punto di vista, ma vale la pena ricordare che nella scorsa edizione di questo Gran Premio proprio a causa di un’uscita di pista sul bagnato Vettel buttò al vento una vittoria facile.

Salvo straordinari exploit di Leclerc, a contendersi la vittoria saranno verosimilmente Hamilton e Verstappen. La Mercedes è la macchina che di fatto va più veloce nel maggior numero di casi di condizioni della pista, eccetto che ad altissime temperature (come quelle di venerdì, e questa possibilità sembrerebbe al momento esclusa). Verstappen guida una macchina meno veloce e la cui power unit ha peraltro avuto qualche problema di propulsione in qualifica, elemento da non trascurare troppo.

I tempi delle qualifiche

[lt id=”87″]