Serie B: scenari e ipotesi sull’ultima giornata

Le possibili combinazioni di risultati dell’ultima giornata di Serie B: in palio ci sono secondo posto, playoff e salvezza.

Il Brescia già promosso in Serie A è anche sicuro della prima posizione. Per la seconda, l’ultima che dà un posto in Serie A senza passare dai playoff, la lotta è tra Lecce e Palermo. Il Lecce secondo con un punto di vantaggio per non dipendere dal risultato del Palermo deve battere lo Spezia che però a sua volta sta lottando per un posto nei playoff. Il Palermo affronta il Cittadella coinvolto nella zona playoff e deve vincere sperando in una mancata vittoria del Lecce. In caso di arrivo a pari punti di Lecce e Palermo, sarebbe il Palermo a salire in Serie A perché in vantaggio negli scontri diretti.

In zona playoff la partita più importante sarà l’incrocio tra il Perugia (47 punti) e la Cremonese (49). Il Perugia può sperare di raggiungere l’ottavo posto, ultimo disponibile per giocare i playoff, ma deve vincere e sperare in una contemporanea sconfitta del Verona, con cui è in svantaggio negli scontri diretti. A quota 50 potrebbe restare anche il Cittadella, impegnato a Palermo. In caso di vittoria del Perugia, di un pareggio del Verona e di una sconfitta del Cittadella ci potrebbe essere anche un finale con tre squadre a 50 punti. La classifica avulsa premierebbe in questo caso il Verona: Verona 9, Cittadella 5 e Perugia 2. Se, invece, Perugia-Cremonese dovesse finire in parità, il Perugia sarebbe fuori dai playoff e l’eventuale classifica avulsa a tre premierebbe la Cremonese: Cremonese 6, Verona 5 e Cittadella 4.

Lo Spezia ha buone possibilità di qualificarsi per i playoff: resterebbe fuori solo in caso di mancata vittoria a Lecce e contemporanee vittorie di Cittadella, Cremonese e Verona. La squadra allenata da Marino in ogni caso per ottenere un buon piazzamento – molto importante in ottica playoff -, deve cercare di fare punti perché in caso di classifica avulsa sarebbe in svantaggio in quasi tutti gli scontri diretti. Gli unici scontri diretti favorevoli sono quelli con il Cittadella, ed è comunque un vantaggio importante: se vincono Cremonese e Verona, il Cittadella pareggia a Palermo e lo Spezia perde, in questo caso Spezia e Cittadella arriverebbero ottave a 51 punti ma si qualificherebbe lo Spezia.

In zona retrocessione il Crotone è quasi al sicuro: gli basterà fare almeno un punto in casa contro l’Ascoli ormai senza motivazioni di classifica per non dipendere dai risultati delle altre squadre. La Salernitana è salva senza passare dai playout solo se vince a Pescara contro una squadra decisa a mantenere l’attuale quinto posto per i playoff. Allo stesso tempo però la Salernitana rischia la retrocessione diretta se perde: Livorno e Foggia la possono superare e il Venezia – in vantaggio negli scontri diretti – la può raggiungere a quota 38. Sulla carta ha più possibilità di salvezza diretta il Livorno che deve vincere contro il Padova già retrocesso e sperare semplicemente che la Salernitana non vinca. Il Venezia per salvarsi direttamente deve vincere contro il già retrocesso Carpi e sperare che Livorno, Salernitana e Foggia non vincano. Il Foggia, infine, è salvo anche dai playout se vince a Verona e Livorno e Salernitana non fanno altrettanto nelle rispettive partite. Tra i possibili scenari finali ce ne sono anche alcuni con tre o addirittura quattro squadre a pari punti: in queste situazioni i confronti diretti e le classifiche avulse diventerebbero decisive.