Formula 1: i pronostici sul Gran Premio d’Australia

Le premesse del Gran Premio d’Australia di Formula 1, prima gara del campionato del 2018, in programma domenica alle 07:10, non contraddicono le previsioni più diffuse. A Melbourne la Mercedes di Hamilton partirà in pole position, seguito dalle Ferrari e dalla Red Bull di Verstappen. Il pilota più deludente in qualifica è stato Bottas, che per un suo errore è finito fuori pista e non ha girato in Q3. Nei pronostici per la gara Hamilton è chiaramente favorito su tutti.

 

Le qualifiche della Mercedes

Il pilota della Mercedes Lewis Hamilton, campione del mondo in carica, ha ottenuto la pole position del Gran Premio d’Australia più agevolmente di quanto lasciassero intuire le prime due manche delle qualifiche. In Q1 aveva ottenuto il miglior tempo con un vantaggio di circa due decimi sulla Ferrari di Kimi Raikkonen. E in Q2 la Ferrari di Sebastian Vettel era stata persino più veloce, di pochi millesimi di secondo. Poi, in Q3, Hamilton ha compiuto un giro – da lui stesso e da tutti i commentatori definito “perfetto” – più veloce di sei decimi di secondo, un’enormità, rispetto al secondo miglior tempo, fatto da Raikkonen.

Il cospicuo vantaggio è stato in parte attribuito a una specifica mappatura del motore che la Mercedes attiva generalmente soltanto in Q3, per breve tempo, rendendo la power unit un po’ più potente. Nella conferenza stampa dopo le qualifiche Hamilton ha negato l’esistenza di questa particolare configurazione (scherzosamente definita “party mode”), poi invece confermata dal team principal della Mercedes-AMG, Toto Wolff. Non è andata tanto bene all’altra Mercedes, quella guidata dal finlandese Valtteri Bottas: all’inizio della Q3 ha perso il controllo della macchina ed è finito contro le barriere. I danni causati dall’impatto renderà necessaria la sostituzione di diverse parti tra cui il cambio, e per questo motivo Bottas sarà penalizzato in griglia con un arretramento di cinque posizioni (in quel caso partirebbe dalla quindicesima posizione).

Le qualifiche di Ferrari e Red Bull

Il finlandese Kimi Raikkonen, con il secondo miglior tempo della giornata, è stato il pilota della Ferrari più veloce, ed è sembrato abbastanza a suo agio sulla nuova macchina fin dalle prove libere di venerdì. Il tempo di Sebastian Vettel è stato comunque più o meno identico: solo dieci millesimi di secondo più lento. Max Verstappen e Daniel Ricciardo, i due confermati piloti Red Bull, hanno ottenuto il quarto e il quinto tempo. Ricciardo partirà però dall’ottava posizione a causa di una penalizzazione – da lui molto contestata – ricevuta venerdì per aver oltrepassato un limite di velocità mentre era esposta la bandiera rossa durante una sessione di prove libere.

Di conseguenza hanno quindi guadagnato una posizione in griglia i due piloti della Haas, una delle squadre da tenere d’occhio in questo 2018. Al momento si tratta con ogni probabilità della macchina migliore nel gruppo dietro Mercedes, Red Bull e Ferrari. In circostanze normali, almeno in queste prime gare, si contenderanno la quarta posizione nel Mondiale costruttori insieme alla Renault e alla McLaren, che quest’anno non ha più le deludenti power unit Honda e sembra in grado di poter competere stabilmente per i piazzamenti in zona punti.

La griglia di partenza

pos pilota squadra/motore tempo/ritardo
1 Lewis Hamilton Mercedes 1m21.164s
2 Kimi Raikkonen Ferrari 1m21.828s 0.664s
3 Sebastian Vettel Ferrari 1m21.838s 0.674s
4 Max Verstappen Red Bull/Renault 1m21.879s 0.715s
5 Kevin Magnussen Haas/Ferrari 1m23.187s 2.023s
6 Romain Grosjean Haas/Ferrari 1m23.339s 2.175s
7 Nico Hulkenberg Renault 1m23.532s 2.368s
8 Daniel Ricciardo * Red Bull/Renault 1m22.152s 0.988s
9 Carlos Sainz Renault 1m23.577s 2.413s
10 Fernando Alonso McLaren/Renault 1m23.692s 2.528s
11 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 1m23.853s
12 Sergio Perez Force India/Mercedes 1m24.005s
13 Lance Stroll Williams/Mercedes 1m24.230s
14 Esteban Ocon Force India/Mercedes 1m24.786s
15 Valtteri Bottas * Mercedes
16 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 1m24.532s
17 Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 1m24.556s
18 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 1m24.636s
19 Sergey Sirotkin Williams/Mercedes 1m24.922s
20 Pierre Gasly Toro Rosso/Honda 1m25.295s

* Ricciardo, con il quinto miglior tempo in Q3, è stato retrocesso di tre posizioni per aver oltrepassato il limite di velocità con bandiera rossa, nelle prove libere. Bottas, decimo nella classifica di Q3, è stato retrocesso di cinque posizioni per aver sostituito il cambio.

Le prestazioni in assetto da gara

Sia per quanto riguarda la velocità sul giro singolo sia per quanto riguarda quella sulle lunghe distanze, finora la Mercedes guidata da Lewis Hamilton è sembrata non avere rivali. Il margine di vantaggio in configurazione da gara tende a ridursi ma c’è: è emerso sia nei test invernali a Barcellona sia durante le prove libere di venerdì in Australia.

La Red Bull ha scelto una strategia diversa da quella della Ferrari. Per compiere il loro miglior giro in Q2 entrambi i piloti hanno utilizzato gomme supersoft, quelle di consistenza intermedia nel range proposto dal fornitore Pirelli per il Gran Premio d’Australia (soft, supersoft e ultrasoft). Da regolamento partiranno tutti con le gomme usate nel miglior giro della Q2, che nel caso della Ferrari saranno invece ultrasoft. Sono quelle che danno maggiore aderenza ma tendono a usurarsi più rapidamente: la Ferrari le userà nella prima parte della gara, la Red Bull nella seconda parte. Entrambe le squadre sostengono di aver fatto la scelta migliore.

Nelle prove libere svolte venerdì in assetto da gara, ipotizzando carichi di carburante uguali per tutti, le prestazioni di Verstappen erano state quelle mediamente più vicine a quelle di Hamilton, il migliore. Sia Raikkonen sia Bottas, con assetti simili, erano andati leggermente meno bene. Tutti loro montavano gomme ultrasoft, quelle che la Red Bull conta di poter sfruttare nella parte conclusiva del Gran Premio, ammesso che facciano una sola sosta ai box, come probabile.

I pronostici sul Gran Premio d’Australia

RAIKKONEN: PODIO (1.60)
MAGNUSSEN: CLASSIFICATO (1.42) N.C.
BOTTAS: PIAZZATO 1-10 (1.23)
ALONSO: PIAZZATO 1-10 (1.50)
GROSJEAN: PIAZZATO 1-10 (1.27) N.C.
Quota totale: 5.32, planetwin365 (CODICE 47NMW)

SIROTKIN: NON CLASSIFICATO (2.30) N.C.
HARTLEY: NON CLASSIFICATO (2.30) 15°
Quota totale: 5.29, planetwin365 (CODICE 6G48R)

 

 

Aggiornamento lunedì 26 marzo 2018, ore 09:00

La classifica finale del Gran Premio, per agevolare la verifica dei pronostici corretti e di quelli sbagliati, e per tenere un archivio da consultare.

GIRO PIÙ VELOCE: Daniel Ricciardo (Red Bull)
Pos pilota squadra giri tempo/distacco
1 Sebastian Vettel Ferrari 58 1h29m33.283s
2 Lewis Hamilton Mercedes 58 5.036s
3 Kimi Raikkonen Ferrari 58 6.309s
4 Daniel Ricciardo Red Bull/Renault 58 7.069s
5 Fernando Alonso McLaren/Renault 58 27.886s
6 Max Verstappen Red Bull/Renault 58 28.945s
7 Nico Hulkenberg Renault 58 32.671s
8 Valtteri Bottas Mercedes 58 34.339s
9 Stoffel Vandoorne McLaren/Renault 58 34.921s
10 Carlos Sainz Renault 58 45.722s
11 Sergio Perez Force India/Mercedes 58 46.817s
12 Esteban Ocon Force India/Mercedes 58 1m00.278s
13 Charles Leclerc Sauber/Ferrari 58 1m15.759s
14 Lance Stroll Williams/Mercedes 58 1m18.288s
15 Brendon Hartley Toro Rosso/Honda 57 1 giro
Romain Grosjean * Haas/Ferrari 24 errore nel montaggio di una ruota
Kevin Magnussen * Haas/Ferrari 22 errore nel montaggio di una ruota
Pierre Gasly * Toro Rosso/Honda 13 guasto alla power Unit
Marcus Ericsson * Sauber/Ferrari 5 guasto idraulica
Sergey Sirotkin * Williams/Mercedes 4 guasto ai freni

* non classificati
(i piloti “non classificati” sono soltanto quelli che non completano almeno il 90% dei giri previsti)