Serie A: Chievo-Cagliari, Udinese-Napoli e Juventus-Pescara (sabato)

I pronostici sulla Serie A, il principale campionato italiano di calcio

Il sabato della tredicesima giornata di Serie A propone tre partite a partire dalle 15: approfondimenti, probabili formazioni e pronostici.

CHIEVO – CAGLIARI | sabato ore 15:00

Il Cagliari grazie all’ottimo rendimento avuto finora in casa e alla marcia al rallentatore delle ultime tre squadre in classifica ha al momento un vantaggio di ben nove punti sulla zona retrocessione, che fanno dormire sonni tranquilli all’allenatore Rastelli. Alla lunga però ci sarà da migliorare il rendimento in trasferta e soprattutto servirà subire meno gol per non rischiare di essere nuovamente risucchiati nella zona retrocessione. Il Cagliari ha subito addirittura 29 gol su 12 partite giocate, ha la peggiore difesa del torneo ed è anche la squadra che concede in media più tiri in porta agli avversari, ben 21 a partita. La fortuna del Cagliari è quella di avere ottimi calciatori in attacco, la squadra allenata da Rastelli ha la più alta percentuale realizzativa (20%) e la più alta percentuale di tiri nello specchio (59%) del campionato.

In questa partita in trasferta contro il Chievo c’è però poco da essere ottimisti. Il Cagliari fuori casa ha perso cinque partite su sei e in questa sfida l’allenatore Rastelli ha parecchi problemi di formazione per via delle assenze di Tachtsidis, Murru, Ionita, Joao Pedro, Pisacane e Capuano a cui si aggiunge Isla che rientrato da poche ore dagli impegni con la nazionale cilena potrebbe essere lasciato inizialmente a riposo. Il maggiore numero di assenze riguarda la difesa, inoltre l’infortunio a centrocampo di Tachtsidis costringe Rastelli ad arretrare nuovamente la posizione di Di Gennaro e a schierare un 4-3-3 con il recuperato Farias titolare. In attacco c’è poi Melchiorri che si gioca un posto con Sau e Borriello.

Il Chievo dopo l’ottimo avvio di campionato non ha più vinto nelle ultime cinque giornate ed è stato superato di un punto in classifica proprio dal Cagliari. L’allenatore Maran chiederà massima concentrazione ai suoi perché un nuovo risultato negativo andrebbe a compromettere quanto di buono fatto finora. L’assenza di Birsa non sarà d’aiuto, ma da questo punto di vista il Cagliari sta messo decisamente peggio e nel Chievo a farsi valere non sono tanto i singoli quanto il collettivo: la squadra fa un calcio tattico e speculare, la corsa e il pressing a tutto campo potrebbero mettere in difficoltà gli avversari.

La vittoria del Chievo è a quota 1.57 su Betfair che offre ai nuovi clienti un bonus del 50% del primo deposito (deposito minimo: 15€, bonus massimo: 25€), e in più un ulteriore bonus di 5€ a settimana per tutta la durata del campionato di Serie A, effettuando ogni settimana un nuovo deposito e almeno una scommessa da 5€ a quota minima 2.00.

Probabili formazioni
CHIEVO: Sorrentino, Cacciatore, Cesar, Gamberini, Gobbi, Castro, Radovanovic, Rigoni, De Guzman, Meggiorini, Inglese.
CAGLIARI: Storari, Salamon, Bruno Alves, Ceppitelli, Bittante, Munari, Di Gennaro, Padoin, Farias, Sau, Borriello.

PROBABILE RISULTATO: 2-1
1 (2.00, Betfair)
1X + OVER 1.5 (1.65, Betfair)




UDINESE – NAPOLI | sabato ore 18:00

La dirigenza dell’Udinese ha fatto bene a esonerare Iachini e a scegliere al suo posto Delneri, o almeno così dicono finora i risultati: la squadra è imbattuta da quattro giornate di Serie A (due vittorie seguite da due pareggi) ed è nettamente migliorata soprattutto in fase offensiva. Col cambio di modulo e il passaggio al 4-3-3, Delneri sta facendo rendere al meglio calciatori di ottimo livello come Widmer, Kums, Fofana e soprattutto Thereau e Zapata. L’attaccante francese sta giocando benissimo e ha fatto cinque gol nelle ultime quattro giornate mentre il colombiano ha trovato la rete in quattro delle ultime cinque presenze in campionato alla “Dacia Arena”. La difesa continua invece a concedere troppo: l’Udinese subisce almeno un gol a partita da nove giornate di campionato, è la peggiore striscia corrente tra le venti squadre di Serie A.

Riuscire a mantenere la porta inviolata contro un attacco forte come quello del Napoli sarà parecchio complicato, anche se la squadra allenata da Sarri da quando si è infortunato Milik ha abbassato da 2 a 1.4 la media dei gol fatti a partita, e nelle ultime otto giornate di campionato non è mai riuscito a segnare più di due gol (nove reti totali nel parziale). La squadra si sta pian piano abituando a giocare con Mertens nel ruolo di “falso nueve”, ma ha ancora bisogno di tempo per migliorare la sua manovra offensiva rispetto a quando c’era Milik: Gabbiadini, in precarie condizioni fisiche, partirà ancora una volta dalla panchina. Non sta aiutando poi il lungo digiuno di Insigne, arrivato a 17 partite consecutive di campionato senza segnare.

Sarà una trasferta molto difficile per il Napoli, anche perché questa partita arriva dopo la sosta delle nazionali e prima dell’importante sfida di Champions League contro la Dinamo Kiev in cui si giocherà la qualificazione agli ottavi di finale. L’anno scorso tra l’altro il Napoli in casa dell’Udinese ha perso 3-1 dicendo addio alle ultime speranze di vincere lo scudetto. Per tutti questi motivi puntare sul “2” secco – pur probabile – potrebbe essere un azzardo, meglio forse puntare sul “gol” o sulla combo bet con la doppia chance esterna unita all’over 1.5.

Probabili formazioni
UDINESE: Karnezis, Widmer, Danilo, Wague, Felipe, Fofana, Kums, Badu, De Paul, Zapata, Thereau.
NAPOLI: Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Zielinski, Diawara, Hamsik, Callejon, Mertens, Insigne.

PROBABILE RISULTATO: 1-2
GOL (1.66, Betfair)
X2 + OVER 1.5 (1.50, Betfair)
JUVENTUS – PESCARA | sabato ore 20:45

Il Pescara pur essendo terzultimo in classifica è la squadra peggiore del campionato di Serie A: l’unica vittoria è arrivata a tavolino contro il Sassuolo, per quel che riguarda i risultati fatti sul campo la squadra allenata da Oddo è ancora a quota zero vittorie e ha fatto solo quattro pareggi, due dei quali contro Torino e Genoa in cui ha giocato parte della partita in undici contro nove. Le statistiche del Pescara lasciano poche speranze di salvezza e l’ultima pesante sconfitta per quattro a zero in casa contro l’Empoli che fino a quel momento aveva segnato solo due gol ha abbassato ancora di più il morale dei calciatori. La società ha confermato Oddo, ma l’allenatore se vorrà sperare in qualcosa di meglio d’ora in avanti dovrà cambiare qualcosa nello stile di gioco della sua squadra, finora improduttivo. Il Pescara – squadra che è stata in vantaggio per meno minuti in questo campionato (69), tra l’altro proprio all’esordio contro il Napoli – concede troppo in difesa e gioca con un assetto tattico troppo sbilanciato, dal quale ottiene ben poco visto che ha la più bassa percentuale realizzativa del campionato (6%). Senza un fromboliere di alto livello come lo era l’anno passato Lapadula, il gioco di Pescara è improduttivo e l’allenatore dovrebbe – in attesa di rinforzi nel corso del calciomercato invernale – migliorare la fase difensiva, che già l’anno scorso in Serie B lasciava parecchio a desiderare.

Contro la Juventus l’obiettivo massimo sarà quello di perdere con onore, magari senza subire goleade. Viene difficile pensare che il Pescara riuscirà a impensierire una squadra che ha vinto tutte le ultime 22 partite giocate in casa in campionato, segnando in totale 52 reti, e che è già a quota 10 vittorie in questo torneo. L’allenatore Allegri ha qualche problema di formazione per via degli infortuni di Barzagli, Dybala, Pjaca e Benatia e delle non perfette condizioni fisiche di Chiellini, ma starà attento soprattutto alla fase difensiva. La Juventus non subiva gol per cinque partite di campionato di fila, all’interno di una stessa stagione, da febbraio del 2014, e l’allenatore ha più volte ripetuto come sia fondamentale per vincere il campionato avere la migliore difesa. Da questo punto di vista, al di là del risultato finale, Allegri si aspetta dai suoi calciatori una partita perfetta a livello difensivo, anche perché oltre ai gol subiti nelle ultime cinque partite di campionato ha pesato parecchio il gol preso in Champions League contro il Lione. A tal proposito non subire gol contro il Pescara servirebbe ad aumentare la fiducia in vista della prossima decisiva partita di Champions League al “Pizjuan” contro il Siviglia in cui i bianconeri si giocano le ultime possibilità di finire il girone al primo posto.

Probabili formazioni
JUVENTUS: Buffon, Rugani, Bonucci, Evra, Lichtsteiner, Khedira, Hernanes, Pjanic, Alex Sandro, Mandzukic, Higuain.
PESCARA: Bizzarri, Campagnaro, Zuparic, Biraghi, Zampano, Brugman, Crstante, Memushaj, Crescenzi, Benali, Caprari.

PROBABILE RISULTATO: 3-0
1 + OVER 2.5 (1.50, Betfair)
NO GOL (1.57, Betfair)