Euro 2016: Belgio-Irlanda (sabato)

Europei 2016
I pronostici sulle partite di calcio di Euro 2016

Sabato alle 15:00 si gioca la seconda partita della seconda giornata del gruppo E di Euro 2016, quello dell’Italia. Vediamo se il Belgio continuerà a deludere: le cose da sapere, probabili formazioni e pronostici.

BELGIO – IRLANDA | sabato ore 15:00

Belgio e Irlanda giocheranno la seconda partita della seconda giornata del gruppo E di Euro 2016 allo “Stade de Bordeaux” sabato pomeriggio alle 15:00 (la partita sarà trasmessa da Sky e dalla Rai). Belgio e Irlanda sono inserite nel gruppo E di Euro 2016 con Italia e Svezia. Questa la classifica attuale: Italia 6, Irlanda 1, Svezia 1, Belgio 0.

Com’è andata la prima partita del Belgio

Il Belgio ha perso all’esordio contro l’Italia, e con un risultato netto: 2-0. Il Belgio ha confermato l’idea che ci siamo fatti qui al Veggente già prima dell’inizio del torneo: ci sono alcuni calciatori molto forti, altri forse sopravvalutati, ma il maggiore colpevole del non gioco di questa squadra è l’allenatore, Marc Wilmots. Nella partita contro l’Italia il Belgio ha fatto il solito possesso palla sterile senza mai riuscire ad aggirare la solida difesa avversaria, e si è fatta bucare in contropiede come era già recentemente successo in amichevole contro la Finlandia. Incassato il gol dell’1-0, il Belgio ha continuato a fare lo stesso gioco e solo nel secondo tempo Wilmots ha provato a cambiare qualcosa, passando dal 4-3-3 al 4-2-3-1 con Mertens inserito al posto di Nainggolan. Da quel momento in poi il Belgio è stato più pericoloso, non tanto per il cambio tattico quanto per la maggiore stanchezza degli azzurri che hanno corso molto più degli avversari. Il gol del pareggio non è però arrivato e alla fine con un altro contropiede l’Italia ha fatto il 2-0.

Com’è andata la prima partita dell’Irlanda

L’Irlanda ha confermato di essere una squadra solida tatticamente, basata su un ferreo 4-4-1-1 in cui Walters gioca da trequartista a tutto campo e dà sempre il suo aiuto in fase di non possesso palla. La nazionale allenata da Martin O’Neil difende molto bene, schiera le linee di difesa e centrocampo molto vicine tra loro e per gli avversari è sempre difficile trovare spazi. La Svezia, che già di per sé ha seri problemi a creare gioco, non è mai riuscita a procurarsi occasioni da gol su azioni manovrate e la squadra più pericolosa – spesso in contropiede – è stata l’Irlanda, che nel secondo tempo ha trovato il meritato gol del vantaggio. Dopo il gol dell’uno a zero però l’Irlanda si è rilassata e ha abbassato troppo il baricentro concedendo più spazi alla Svezia che si è fatta coraggio e ha segnato l’1-1 su uno sfortunato autogol di Clark.

Il modulo e i giocatori del Belgio

Il commissario tecnico del Belgio Wilmots ha usato prevalentemente due moduli di gioco finora nel corso della sua gestione e lo ha fatto anche all’intero della singola partita giocata contro l’Italia: il 4-3-3 e il 4-2-3-1. Dalla scelta del modulo dipende anche l’utilizzo di alcuni giocatori al posto di altri, ad esempio col 4-3-3 è titolare Fellaini mentre nel 4-2-3-1 il centrocampista del Manchester United (o eventualmente Nainggolan, come successo contro l’Italia nel secondo tempo) lascerebbe probabilmente il posto a uno tra Mertens e Ferreira-Carrasco.

Lo sviluppo del gioco del Belgio ha alcuni problemi difficilmente risolvibili a meno di un cambio di rotta nella tattica da parte del commissario tecnico, che difficilmente avverranno ora a Europeo in corso d’opera. La mancanza di terzini di spinta di qualità costringe Wilmots a dare il posto a Vertonghen e Alderweireld che sono due centrali prestati alla fascia. Le loro capacità di arrivare sul fondo e crossare con precisione sono ridotte, inoltre sulle fasce ci sono Hazard e De Bruyne che vogliono il pallone sui piedi e raramente attaccano la profondità. Contro l’Italia ha giocato sulla fascia Ciman, che pure è un calciatore non fenomenale nei cross e nelle sovrapposizioni.

Con la difesa avversaria schierata la manovra del Belgio è parecchio prevedibile e termina di solito con un cross dalla fascia di uno dei due terzini o di Hazard e De Bruyne, per la testa di Lukaku o spesso di Fellaini che si inserisce in area di rigore. Il risultato è che il Belgio colleziona parecchi calci d’angolo ma pochi gol, sebbene le palle inattive siano uno dei punti di forza di questa squadra.

Contro l’Irlanda, squadra che difende molto bene come l’Italia, il canovaccio della partita potrebbe essere identico a quello di lunedì scorso.

Il modulo e i giocatori dell’Irlanda

L’Irlanda giocherà con il 4-4-1-1. Il baricentro della squadra è sempre molto basso, ma la presenza di due attaccanti di ruolo, uno dei quali – di solito Walters, schierato da trequartista a tutto campo – molto disposto al sacrificio e ad aiutare in fase di non possesso palla, permette di ripartire in contropiede con buona frequenza. Walters salterà questa partita per infortunio, al suo posto potrebbe esserci McClean. Ci sono poi un paio di calciatori di buon livello tecnico, come il veloce terzino destro Coleman e il centrocampista Hoolahan che avranno il compito di alleggerire la pressione della squadra avversaria. Proprio da questi due calciatori – già menzionati prima della partita contro la Svezia – è arrivato l’unico gol fin qui segnato da questa nazionale.

Che partita può uscirne

Belgio-Irlanda sarà dal punto di vista tattico molto simile a Belgio-Italia: il Belgio farà maggiore possesso palla e starà stabilmente nella metà campo avversaria, con l’Irlanda decisa a difendersi e a sfruttare gli spazi lasciati dagli avversari in contropiede. Rispetto all’Italia però l’Irlanda ha meno qualità tecnica e una difesa tutto sommato meno affidabile: il portiere Randolph non è Buffon, e i centrali Clark e O’Shea contro la Svezia hanno dimostrato di non sapere reggere la pressione degli attacchi avversari per l’intera durata della partita. Alla lunga il Belgio ha la qualità tecnica e calciatori abili in zona gol per vincere la sfida, ma non sarà una passeggiata e probabilmente ci vorrà il secondo tempo per spuntarla.

Paddy Power – che accredita sul conto dei nuovi clienti un bonus scommesse di 25€ netti a chi depositi almeno 10 euro contestualmente alla registrazione – propone per questi Europei un numero altissimo di tipologie di scommesse tra cui il testa a testa sui calci d’angolo: il Belgio vincente testa a testa è a quota 1.30.

Le promozioni interessanti dei bookmaker su questa partita

Eurobet rimborserà le scommesse eventualmente perdenti sul primo marcatore se ci sarà una doppietta nel corso della partita. Inoltre se a fare la doppietta sarà il calciatore pronosticato, la vincita verrà raddoppiata. In questo caso conviene puntare su Hazard primo marcatore a quota 6.00: puntando ad esempio 10 euro su Hazard primo marcatore, in caso di doppietta di Hazard la vincita netta (50 euro) verrà raddoppiata e così con 10 euro si vincerebbero eventualmente 110 euro.

Probabili formazioni
BELGIO: Courtois, Ciman, Alderweireld, Vermaelen, Vertonghen, Witsel, Naingolan, Hazard, De Bruyne, Fellaini, Lukaku.
IRLANDA: Randolph, Coleman, O’Shea, Clark, Brady, Hendrick, Whelan, McCarthy, McClean, Hoolahan, Long.

PROBABILE RISULTATO: 1-0
1 (1.80, Bet365)
1X + UNDER 3.5 (1.48, Eurobet)
TEMPO CON PIÙ GOL BELGIO? SECONDO (2.40, Bet365)
MULTIGOL: 1-3 (1.34, Eurobet)
OVER 5.5 CALCI D’ANGOLO SQUADRA IN CASA (1.49, #)
BELGIO VINCE TESTA A TESTA CALCI D’ANGOLO (1.30, Paddy Power)