Euro 2016: Italia-Svezia (venerdì)

Europei 2016
I pronostici sulle partite di calcio di Euro 2016

Venerdì alle 15:00 si gioca la prima partita della seconda giornata del gruppo E di Euro 2016, tocca di nuovo agli azzurri: approfondimenti, probabili formazioni e pronostici.

ITALIA – SVEZIA | venerdì ore 15:00

Italia e Svezia giocheranno la prima partita della seconda giornata del gruppo E di Euro 2016 allo “Stadium de Toulouse” venerdì pomeriggio alle 15:00 (la partita sarà trasmessa da Sky e dalla Rai). Italia e Svezia sono inserite nel gruppo E di Euro 2016 insieme a Belgio e Irlanda. Questa la classifica attuale: Italia 3, Irlanda 1, Svezia 1, Belgio 0.

Com’è andata la prima partita dell’Italia

L’Italia ha giocato un partitone contro il Belgio, vincendo 2-0 grazie ai gol di Giaccherini nel primo tempo e di Pellé nel secondo tempo, nel corso dei minuti di recupero. La nazionale allenata da Antonio Conte ha giocato così bene che anche la stampa estera, solitamente molto critica nei confronti dell’Italia, ha scritto giudizi molto positivi sugli azzurri. Nella prima parte della partita il Belgio ha fatto maggiore possesso palla ma non è mai riuscito a essere pericoloso dalle parti di Buffon, grazie all’ottima organizzazione della difesa: Barzagli, Chiellini e Bonucci hanno confermato di avere un’ottima intesa e anche De Rossi nella posizione in cui si esprime meglio – da mediano con compiti principalmente difensivi – ha fatto molto bene. Il compito di avviare l’azione spesso è stato affidato a Bonucci, molto preciso nei passaggi, e proprio da un suo lancio lungo è nato il primo gol segnato da Giaccherini. Nel secondo tempo il Belgio ha avuto in avvio l’occasione per pareggiare, in uno dei pochi errori dell’Italia che si è fatta sorprendere in contropiede, ma Lukaku ha tirato fuori a tu per tu con Buffon. Il Belgio ha continuato ad attaccare ma senza dare mai la sensazione di potere fare gol, al contrario dell’Italia che in contropiede ha spesso impegnato il portiere avversario Courtois fino a trafiggerlo per la seconda volta nei minuti di recupero con Pellè.

Com’è andata la prima partita della Svezia

La Svezia ha giocato male all’esordio contro l’Irlanda, salvata dalla solita giocata individuale di Ibrahimovic che ha causato l’autogol del difensore avversario Clark. Nel primo tempo l’Irlanda ha giocato complessivamente meglio, pur senza strafare: si è limitata a difendere con ordine e a ripartire velocemente in contropiede. La Svezia pur facendo un po’ più di possesso palla non è mai riuscita a rendersi pericolosa, a centrocampo è mancata qualità e spesso i calciatori svedesi avevano fretta di dare il pallone a Ibrahimovic, che però da solo contro l’intera difesa avversaria poteva ben poco, anche perché mancavano gli inserimenti dei compagni e l’altro attaccante Berg è stato poco mobile. In avvio del secondo tempo l’Irlanda ha trovato il gol del meritato vantaggio con Hoolahan, ma subito dopo l’1-0 la squadra allenata da O’Neil ha abbassato troppo il baricentro ed è stata forse colpita da quella che in questi casi viene chiamata “paura di vincere”. La Svezia ha preso coraggio e pur senza avere le idee chiare in fase di manovra ha creato qualche occasione da gol, soprattutto sui calci piazzati. L’ingresso del giovane Guidetti ha dato maggiore vivacità all’attacco e il terzino sinistro Olsson ha sfruttato la debolezza in fase difensiva di Coleman, che però era stato autore dell’assist vincente per Hoolahan. Proprio da sinistra è partita l’azione del pareggio della Svezia, con un pericoloso cross di Ibrahimovic che prima di raggiungere Larsson all’interno dell’area di rigore è stato spinto fortuitamente in gol dal difensore avversario Clark. Dopo il gol dell’1-1 la partita si è addormentata: l’Irlanda avrebbe meritato qualcosa in più, ma non ha saputo gestire il vantaggio ed è stata giustamente punita.

Il modulo e i giocatori dell’Italia

L’Italia (totale giocatori) ha corso 119,7 km nel corso della prima partita contro il Belgio, più di ogni altra nazionale nel primo turno di Euro 2016. Il commissario tecnico Antonio Conte chiede corsa e sacrificio ai suoi, è un grande motivatore e il gruppo – formato in gran parte da calciatori della Juventus – è molto unito. In un torneo così però con partite giocate a pochi giorni di distanza l’una dall’altra è necessario fare dei cambi di formazione per quello che è il tipo di gioco che Conte chiede ai suoi. Per questo motivo nel classico 3-5-2 cambieranno probabilmente un paio di titolari. Rispetto alla partita contro il Belgio, l’impostazione tattica sarà leggermente differente, è difficile pensare di fare una partita di attesa e contropiede contro una squadra che parte sfavorita e che giocherà probabilmente col baricentro basso. Per Conte sarà importante non subire gol e per questo la difesa resterà schierata a tre con i titolari Barzagli, Bonucci e Chiellini, ma negli altri reparti ci saranno dei cambi. Thiago Motta potrebbe essere preferito a De Rossi per la sua maggiore visione di gioco, De Sciglio a Darmian e Florenzi a Parolo. Non sono del tutto da escludere altri cambi in attacco, Conte inoltre farà probabilmente un paio di sostituzioni pochi minuti dopo l’inizio del secondo tempo per dosare le energie dei suoi centrocampisti, in particolare gli interni e i due esterni ai quali è richiesto il lavoro più faticoso.

Il modulo e i giocatori della Svezia

La Svezia non dovrebbe fare dei grossi cambiamenti rispetto alla pur deludente prima partita pareggiata contro l’Irlanda. L’unico cambio sicuro è quello del terzino destro Lustig che – infortunato – lascerà probabilmente il posto a uno tra Erik Johansson e Augustinsson. La tattica di gioco sarà ancora il 4-4-2 con Larsson e Forsberg sugli esterni e Kallstrom e Lewicki centrali, mentre in attacco con Ibrahimovic ci sarà uno tra Berg e Guidetti, le cui quotazioni sono in rialzo dopo la buona prova da sostituto nella partita contro l’Irlanda. La Svezia è priva di un centrocampista abile in fase di impostazione e ha degli esterni non troppo veloci: tutto il potenziale offensivo dipenderà – come sempre e forse più che in passato – dalle giocate di Ibrahimovic.

Che partita può uscirne

L’Italia rispetto alla partita contro il Belgio sarà probabilmente costretta a fare più possesso palla, e questo potrebbe essere un problema perché la nazionale di Conte anche nel corso del girone di qualificazione contro avversarie di scarsa qualità come Malta ha mostrato una certa difficoltà a sfondare contro le difese ben chiuse. La vittoria ottenuta contro il Belgio permette comunque all’Italia di giocare con due risultati su tre a disposizione, anche un pareggio andrebbe bene in ottica qualificazione. Sarà importante non sbilanciarsi troppo e non subire gol, presto o tardi la modesta difesa svedese un errore dovrebbe farlo e lì servirà il cinismo mostrato nella partita contro il Belgio.

La nazionale non dovrebbe ripetere lo stesso errore del Mondiale di due anni fa, quando presa dall’entusiasmo per la vittoria sull’Inghilterra affrontò la Costa Rica con poca aggressività. Conte pretenderà il massimo dai suoi sul piano fisico e anche per questo farà dei cambi: la Svezia inoltre ha deluso nella prima partita, non ha gioco e se la collaudata difesa azzurra saprà contenere Ibrahimovic le probabilità di vittoria aumenteranno sensibilmente.

# – che accredita al momento del primo deposito (da almeno 10€) una somma extra uguale al 100% del primo deposito (bonus massimo: 50€), e inoltre offre un rimborso sulla prima scommessa da 10€ effettuata da dispositivo mobile – propone per questi Europei anche le scommesse sul possesso palla: l’Italia dovrebbe finire la partita con una percentuale maggiore rispetto alla Svezia che nella prima partita ha mostrato limiti evidenti in fase di costruzione del gioco.

La partita sarà diretta dall’ungherese Viktor Kassai.

Le promozioni interessanti dei bookmaker su questa partita

Eurobet rimborserà le scommesse eventualmente perdenti su risultato esatto, primo marcatore (dell’incontro e squadra), parziale/finale, tempo del primo gol e “combobet” (1×2 + Under/Over 2.5 e 1×2 + Gol/NoGol) se ci sarà un’espulsione durante la partita.

Paddy Power – che accredita sul conto dei nuovi clienti un bonus scommesse di 25€ netti a chi depositi almeno 10 euro – rimborserà tutte le scommesse singole perdenti su risultato esatto, 1X2 + Under/Over 2.5 e Vincente più Marcatore se Ibrahimovic farà almeno un gol durante la partita.

Betfair permette agli utenti non ancora iscritti al suo sito di registrarsi potendo puntare sull’Italia vincente contro la Svezia a quota 7.00. Cliccate qui se volete aderire a questa speciale promozione.

Giocando una scommessa singola su Italia-Svezia prima dell’inizio della partita, Bet365 permetterà di giocarne un’altra live – dello stesso importo o minore – interamente rimborsabile (puntata massima 25 euro), nel corso della partita.

Probabili formazioni
ITALIA: Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Candreva, Florenzi, De Rossi, Giaccherini, De Sciglio, Pellè, Éder.
SVEZIA: Isaksson, Lindelöf, Granqvist, Johansson, Olsson, Larsson, Ekdal, Källström, Forsberg, Guidetti, Ibrahimović.

PROBABILE RISULTATO: 1-0
1 (1.95, William Hill)
1X + UNDER 3.5 (1.42, Eurobet)
MULTIGOL: 1-3 (1.32, Eurobet)
ITALIA PIÙ POSSESSO PALLA (1.40, #)