Euro 2016: Islanda-Ungheria (sabato)

La penultima partita della seconda giornata della fase a gironi si gioca sabato alle 18: Marsiglia ospita la sfida tra Islanda e Ungheria, due nazionali inserite nel gruppo F.

ISLANDA – UNGHERIA | sabato ore 18:00

 
Islanda e Ungheria si affronteranno sabato alle 18, allo Stade “Vélodrome” di Marsiglia (la partita sarà trasmessa su Sky, non sulla Rai). Le due squadre sono inserite nel gruppo F di Euro 2016, insieme con Austria e Portogallo. Questa è la classifica attuale: Ungheria 3, Islanda 1, Portogallo 1, Austria 0.

Com’è andata la prima partita dell’Islanda

Martedì scorso, nella sua prima partita in una grande competizione internazionale, l’Islanda ha ben figurato: è riuscita sorprendentemente a bloccare sull’1-1 il Portogallo, che è passato in vantaggio con Nani al 31′ e ha controllato il gioco per quesi tutto il primo tempo, ma non ha saputo chiudere i conti ed è stato raggiunto a inizio ripresa da un gol di Birkir Bjarnason, ex centrocampista di Pescara e Sampdoria, lasciato libero in area di rigore su un cross di Johann Gudmundsson e bravo a sfruttare l’occasione. Dopo aver pareggiato, la selezione islandese ha acquisito fiducia, si è difesa con maggior ordine rispetto ai primi minuti e ha guadagnato un punto che potrebbe diventare preziosissimo, soprattutto considerando che il match più difficile del girone è ormai alle spalle.

Com’è andata la prima partita dell’Ungheria

Una delle più clamorose sorprese della prima giornata della fase a gironi di questi Campionati Europei è stata rappresentata dalla vittoria ottenuta dall’Ungheria sull’Austria, che ha dominato la fase iniziale della partita, colpendo un palo con David Alaba da fuori area e creando altre tre nitide occasioni, ma nel secondo tempo è incredibilmente calata, arrendendosi di fronte ai gol di Adam Szalai e Zoltan Stieber. Il fatto di aver potuto giocare in superiorità numerica dal 66′ – grazie all’espulsione di Aleksandar Dragovic – ha aiutato la nazionale ungherese, che comunque merita un applauso per aver sovvertito le previsioni della vigilia. La strada verso un’eventuale qualificazione agli ottavi, però, è ancora lunga.

Il modulo e i giocatori dell’Islanda

Nella sfida contro il Portogallo, Lars Lagerback – che ha un passato da commissario tecnico della Svezia e della Nigeria – ha osato dal punto di vista tattico e schierato due punte. La scelta si è rivelata giusta, perciò dovrebbe essere riproposta di fronte all’Ungheria, peraltro potenzialmente meno insidiosa rispetto a Cristiano Ronaldo e compagni. La coppia d’attacco sarà presumibilmente formata ancora da Kolbeinn Sigthorsson e Jon Dadi Bodvarsson, anche se c’è sempre l’opzione legata a un possibile utilizzo di Alfred Finnbogason. Davanti al portiere Hannes Halldorsson, la difesa sarà composta da Birkir Saevarsson, Ragnar Sigurdsson, Kari Arnason e Ari Skulason. A centrocampo, ecco Johann Gudmundsson, Aron Gunnarsson, il talentuosissimo Gylfi Sigurdsson – che gioca da anni in Premier League e ha grande qualità – e Birkir Bjarnason, micidiale con i suoi inserimenti, come ha confermato pochi giorni fa.

Il modulo e i giocatori dell’Ungheria

Guidata in panchina da Bernd Storck, l’Ungheria si affida al 4-2-3-1. In porta c’è ancora l’ormai quarantenne Gabor Kiraly, famoso per la sua divisa con i pantaloni lunghi, rigorosamente di colore grigio: decise di indossarli per la prima volta nel 1996 e, da allora, non li ha mai abbandonati. È appena diventato il calciatore più anziano a disputare una partita valida per la fase finale di un Campionato Europeo, ma non è mai stato un fenomeno. In difesa, spazio ad Attila Fiola, Richard Guzmics, Adam Lang e Tamas Kadar. In mezzo al campo, il veterano Zoltan Gera – ex West Bromwich Albion e Fulham – sarà affiancato dall’emergente Adam Nagy. Sulla trequarti, Storck deve fare i conti con la non ottimale condizione di Gergo Lovrencsics: Krisztian Nemeth e Laszlo Kleinheisler si piazzeranno accanto a Balasz Dzsudzsak, il calciatore più forte di questa squadra. In attacco, conferma probabile per Adam Szalai, a segno contro l’Austria.

Che partita può uscirne

L’Ungheria non ha grandissima qualità e cercherà di giocare con attenzione dal punto di vista tattico, facendo densità in mezzo al campo e chiudendo gli spazi. L’Islanda ha maggiori soluzioni dal punto di vista offensivo: la tecnica di Gylfi Sigurdsson, il senso del gol di Bjarnason e i movimenti delle due punte saranno opzioni importanti.

Si può comunque ipotizzare che la squadra allenata da Lagerback attaccherà con prudenza, evitando di esporsi a ripartenze pericolose. L’Islanda appare favorita in vista di questa partita, che si preannuncia poco spettacolare.

L’arbitro del match sarà il russo Sergei Karasev.

Le promozioni interessanti dei bookmaker su questa partita

Eurobet rimborserà tutte le scommesse singole su RisEsatto Primo Marcatore (dell’incontro e squadra), Parziale/Finale, Tempo del primo goal e Combobet (1×2 + Under/Over 2.5 e 1×2 + Goal/NoGoal) perdenti se nella partita sarà effettuato almeno un cambio prima della fine del primo tempo.

Probabili formazioni:
ISLANDA: Halldorsson, Saevarsson, R. Sigurdsson, Arnason, Skulason, Gudmundsson, Gunnarsson, G. Sigurdsson, Bjarnason, Sigthorsson, Bodvarsson. 
UNGHERIA: Kiraly, Fiola, Guzmics, Lang, Kadar, Nagy, Gera, Nemeth, Kleinheisler, Dzsudzsak, Szalai. 

PROBABILE RISULTATO: 1-0
1X (1.40, Bet365)
UNDER (1.60, #)