Ultime dritte per chi scommette sul GP d’Australia

Formula 1

Abbiamo spiegato ieri (7 domande sul campionato 2014 di Formula 1) i motivi che rendono particolarmente incerto l’inizio di questo Mondiale 2014: a quelle considerazioni generali vanno aggiunte quelle particolari relative a quello che è successo nelle qualifiche del Gran Premio d’Australia di Formula 1.

1) Vince la Mercedes?
Sì, la Mercedes parte come strafavorita per la vittoria del GP (sta a 1.40 su Tipico), in base a tutte le simulazioni di gara e in base al fatto che Hamilton – tranne che a Ricciardo e Rosberg, secondo e terzo – ha dato almeno un secondo e mezzo a tutti. Un. Secondo. E mezzo. Poi valgono tutti i dubbi e i timori tipici della prima gara dell’anno, e quest’anno ancora di più; però va detto che anche sul piano dell’affidabilità – premesso che tutti, chi più chi meno, hanno avuto qualche problema nei test invernali – la Mercedes si è comportata relativamente bene e ha macinato parecchi chilometri. Chi offre la quota più alta per Hamilton vincente è Paddy Power: 1.90.

2) Pioverà?
No, non dovrebbe piovere. Ad ogni modo non sembra che la pioggia caduta durante le qualifiche abbia alterato in maniera significativa la griglia di partenza: chi è andato al di sotto delle aspettative – Button (11°), Raikkonen (12°), Vettel (13°) – forse sarebbe finito in quella posizione comunque.

3) Chi sta messo peggio con l’affidabilità?
Sebbene abbia completato un discreto numero di giri nelle prove libere in Australia, la Red Bull rimane una tra le macchina ad aver sofferto maggiori problemi di affidabilità durante le sessioni di test invernali. Sorprende semmai che a pagare di più per il momento sia stato Vettel e non Ricciardo; ma problemi al software della power unit, come quello che pare sia capitato a Vettel in qualifica, potrebbe capitare a uno e/o all’altro pilota della Red Bull. Su Eurobet, Ricciardo non classificato è a 2.50, Vettel a 2.75 (pochissimo se si considera che l’anno scorso la stessa quota per lui non è mai scesa sotto il 4.00 in nessun GP).

L’altra squadra messa malissimo, che difficilmente riuscirà a completare la gara, è la Lotus. Anche in questo caso i bookmakers sembrano averlo considerato, dato che il ritiro di Grosjean è dato addirittura a 1.35 (e manca del tutto la quota per Maldonado, che in qualifica non ha proprio girato).

4) Testa a testa
Come negli anni scorsi, il bookmaker che offre il palinsesto più ampio in Italia per la Formula 1 è Eurobet. Per questa prima gara della stagione hanno messo a confronto nei Testa a testa i piloti della stessa scuderia (bisogna azzeccare chi arriva a traguardo prima dell’altro, o – in caso di doppio ritiro – chi dei due si ritira per ultimo). Una possibile multipla potrebbe tenere come “base” Hamilton (1° in griglia) e Alonso (5° in griglia) vincenti sui rispettivi compagni di squadra, Rosberg (3° in griglia) e Raikkonen (12° in griglia), che sembra lo scenario al momento più verosimile; a questa doppia si può unire una coppia di pronostici più rischiosi, che vedono i più navigati Button (11° in griglia) e Vettel (13° in griglia) riuscire a recuperare in gara e mettersi davanti ai loro più inesperti compagni di squadra, Magnussen e Ricciardo, che però partono sorprendentemente davanti a loro (Magnussen è 4°, Ricciardo addirittura 2°, e per poco non andava in pole). Ne viene fuori una multipla a quota complessiva 8.53.

È comunque un pronostico molto azzardato, su cui pende sempre il dubbio che alcuni piloti riescano a concludere la corsa. Nel caso della Red Bull, in particolare, un ritiro potrebbe mandare in fumo il testa a testa. E il fatto che ne siano già capitate tante a Vettel – e poche o niente a Ricciardo – non esclude che possano ricapitare a lui e non a Ricciardo (la legge dei grandi numeri è una stupidaggine elaborata dagli analisti del giorno dopo). Quindi occhio, per chi mette Red Bull nelle multiple.