Berrettini, gli ha voltato le spalle: ribaltone inaspettato

Berrettini, questo sgambetto non ce lo saremmo mai e poi mai aspettati: questo cambia tutto, adesso che succederà?

La buona notizia è che è tornato sui social. E quando Matteo Berrettini effettua l’accesso ad Instagram, in linea di massima, vuol dire che sta meglio. Che qualcosa di bello sta finalmente per accadere e che è impaziente di comunicarlo ai suoi numerosissimi follower. Quando, invece, sceglie la strada del silenzio, non è mai un buon segno.

Berrettini, gli ha voltato le spalle: ribaltone inaspettato
Matteo Berrettini (AnsaFoto) – ilveggente.it

Lo abbiamo imparato col tempo e a nostre spese, ma tant’è. Adesso sappiamo, quanto meno, che il fatto che nelle scorse ore abbia pubblicato così tanti contenuti è sintomatico di un imminente ritorno in campo. E infatti, nei video e nelle foto che ha postato sul suo profilo lo si vede alle prese con racchetta e pallina, oltre che con il sole e con la piscina. Spinge, è veloce e preciso e questo ci fa ben sperare circa la qualità del suo rendimento nel momento in cui, finalmente, tornerà a calcare i palcoscenici ai quali era abituato.

Tanto più che al suo rientro troverà ad attenderlo non un campo in cemento o in terra rossa, ma una distesa d’erba, che sappiamo essere ben più congeniale al gioco del tennista romano. Peccato solo che, in questo quadretto idilliaco, sembri mancare qualche tassello. Il puzzle, purtroppo, non è ancora completo.

Non c’è posto per Berrettini

La parentesi sull’erba avrà inizio il 10 giugno prossimo a Stoccarda, la città che ospita, come noto, il Boss Open. Berrettini ricominciò proprio da lì, nel 2022, la sua cavalcata, interrotta dall’intervento alla mano che gli precluse la possibilità di disputare la stagione sulla terra rossa. Tornò dopo mesi di stop e vinse il trofeo, per poi bissare, qualche giorno dopo, al Queen’s.

Era lecito aspettarsi che anche stavolta ripartisse da lì, ma non c’è traccia di Matteo nell’entry list del torneo, men che meno nel main draw, a causa del suo attuale posizionamento in classifica. Al momento, non c’è notizia neanche di una wild card a lui assegnata, per cui è ridotta al lumicino la possibilità che il finalista di Wimbledon 2021 possa essere presente nella capitale dello stato di Baden-Württemberg.

Il che ci sembra strano per due motivi: in primo luogo perché la stagione sull’erba è così breve che sarebbe un peccato perdersi l’appuntamento inaugurale; in secondo luogo perché Boss è il marchio che lo veste e spiace pensare che il suo sponsor gli abbia voltato le spalle, negandogli una wild card. Fermo restando, naturalmente, che potrebbe ancora succedere nelle prossime ore e che i giochi, fortunatamente, non sono ancora del tutto chiusi.

Impostazioni privacy