Gratta e vinci, con 5 euro si vince mezzo milione: è tutto vero

Gratta e vinci, se pensi che sia impossibile vuol dire che non conosci questo biglietto: si può fare, nessun miraggio.

Sarebbe del tutto scorretto pensare che per vincere cifre elevate sia necessario sborsare un sacco di soldi. I premi non sono commisurati, infatti, all’investimento iniziale. Basti dire, per rendere l’idea, che nel mese di maggio, a Napoli, un fortunatissimo giocatore ha vinto la bellezza di 101 milioni di euro spendendone a malapena 2.

Gratta e vinci, con 5 euro si vince mezzo milione: è tutto vero

Anche nelle scorse ore, per la verità, è successo qualcosa che dimostra, ancora una volta, quanto fondata sia questa teoria. Il 30 maggio scorso, in provincia di Verona, è stata registrata una vincita di quelle rarissime. Un giocatore è riuscito ad aggiudicarsi, pensate un po’, uno dei 18 biglietti più fortunati che ci fossero in circolazione. E, grazie a questo colpo di fortuna, la sua vita adesso cambierà da così a così.

Iniziamo col dire che siamo a Mozzecane e che il Gratta e vinci dei record è stato acquistato presso la tabaccheria-ricevitoria Bonato. La dea bendata ha baciato un abitante del posto, un immigrato, che in mezzo a tanti biglietti dalla grafica accattivante ne ha scelto uno della serie Il Miliardario, che mette in palio, come noto, 500mila euro.

Gratta e vinci, la fortuna bacia Mozzecane: 1 su 18 ce la fa

Dei 160 milioni di tagliandi di questa serie, che l’Agenzia dei Monopoli distribuisce nel Bel Paese, solo 18, dicevamo, permettono di assicurarsi il premio massimo. E indovinate un po’? Sì, come probabilmente avrete intuito, uno di essi è andato proprio a questo cliente, che con una spesa minima, pari a 5 euro, incasserà mezzo milione.

Gratta e vinci, con 5 euro si vince mezzo milione: è tutto vero
AnsaFoto – ilveggente.it

Il titolare della rivendita ha raccontato che il Gastone di Mozzecane ha grattato le caselle sul posto. “Poi – ha rivelato alla stampa – ha aspettato che il locale fosse vuoto per parlarmi a quattr’occhi. Voleva capire come poter ritirare il premio, un importo così alto su cui neanch’io avevo informazioni precise. Certo non potevano valere le indicazioni che si utilizzano per incassare fino a 50mila euro – ha osservato – Inizialmente temevo fosse indispensabile andare a Roma”.

Bonato ha offerto il suo aiuto al cliente e, insieme, ne sono venuti a capo: “Abbiamo contattato il call center delle lotterie nazionali: da lì ci hanno spiegato che non serve raggiungere la capitale ma sarà sufficiente presentarsi allo sportello del principale istituto di credito italiano, Intesa Sanpaolo, per pianificare la riscossione. Per agevolare le procedure, comunque, accompagnerò il cliente, che non è italiano, perché non abbia problemi”.

Impostazioni privacy