Jorginho di nuovo in Italia: “Tornerà da calciatore o allenatore”

Jorgihno è in scadenza con l’Arsenal: a fine stagione, potrebbe tornare in Italia per concludere la sua carriera o rimandare per tornare come allenatore.

Joao Santos, agente di Jorginho, è intervenuto ai microfoni di TVPlay per parlare del futuro del suo assistito. Non è un mistero che il centrocampista italiano dell’Arsenal possa essere interessato a un ritorno in Serie A. La novità è che Jorginho, se non come calciatore, potrebbe ripresentarsi come allenatore.

Jorginho di nuovo in Italia - www.ilveggente.it
Jorginho (LaPresse)

⁠“Jorginho già adesso parla molto di calcio e tattica con i suoi compagni. Lui in campo ha un’intelligenza diversa perché vede il gioco in modo globale non solo nella sua posizione“, ha dichiarato Santos. “Ha preso il patentino da allenatore perché già sa che dopo il calcio giocato farà questo mestiere. Ha una visione da centrocampista come Thiago Motta, che sta facendo benissimo al Bologna, dove ha trovato la strada giusta“.

Speriamo che anche Jorginho prenda una squadra con un presidente e un direttore sportivo che gli possano dare fiducia. Se succederà, sicuramente raccoglierà i frutti perché ha talento”, ha spiegato il procuratore. Dopodiché, a proposito di un possibile ritorno in Italia a giugno, Santos ha chiarito che non sembrano esserci i presupposti. “Valuteremo la proposta che arriverà sul tavolo e decideremo per il suo meglio. Ovviamente la proprietà è il rinnovo con l’Arsenal perché sta molto bene con tutti. Il contratto è in scadenza, quindi speriamo arrivi una squadra che vuole il suo bene“.

Un altro obiettivo“, ha continuato l’intervistato, “è ricevere una convocazione in Nazionale anche da parte di Spalletti. Sul ritorno in Italia, va detto che il mercato è un po’ fermo, mentre prima era più aggressivo. Non so se per una questione di soldi e strategia, ma fino adesso nessuna big di Serie A ha mostrato interesse”.

Jorgihno torna da Sarri: “Potrebbe giocare nella Lazio o fare l’allenatore a Napoli

Santos ha spiegato che vedrebbe bene il suo assistito alla Lazio. “Sarebbe contento di giocare lì per la presenza di mister Sarri, che conosce molto bene le sue caratteristiche. Ma potrebbe giocare anche alla Juve. Dove c’è un grande direttore sportivo come Giuntoli con cui ha vissuto tanti anni belli al Napoli. Poi non escludo anche un ritorno in azzurro col nuovo mister Calzona che prima lavorava con Sarri. Al Napoli, nei prossimi anni, potrebbe tornare anche come allenatore“.

Jorginho di nuovo in Italia - www.ilveggente.it
Jorginho con la maglia dell’Arsenal (LaPresse)

Alla Roma invece non credo che potrebbe giocare, perché non ci sono mai stati contatti. Poi, per forza e tradizione, non escludiamo Milan e Inter dove vorrebbero giocare tutti”, ha continuato il procuratore.

Riguardo ai rigori sbagliati con la Nazionale, Santos ha dichiarato che Jorgihno in quella particolare situazione è stato l’unico a prendere il pallone. “Secondo me tra dieci anni il portiere sarà più importante del tiratore perché oggi i portieri studiano e sono più reattivi che in passato e la percentuale di realizzazione continuerà ad abbassare. Ci vuole comunque una grande personalità per fare questo, prendendosi ovviamente anche il rischio di poter sbagliare”.

Impostazioni privacy