Sinner, uno solo non basta: l’epic fail fa il giro del mondo

Sinner, un errore imperdonabile ha pregiudicato il risultato finale. Impossibile non notarlo: è sotto gli occhi di tutti.

È essenziale che l’Association of tennis players aggiorni costantemente le biografie dei giocatori del circuito. Dentro ci sono tutte le informazioni relative alle loro performance: dati, statistiche, notizie, risultati dei confronti precedenti e chi più ne ha più ne metta. Sono strumenti utilissimi, in quanto tale, per chi è in cerca di notizie “fresche” a proposito delle loro carriere.

Sinner, uno solo non basta: l'epic fail fa il giro del mondo
Jannik Sinner (AnsaFoto) – ilveggente.it

Proprio nelle scorse ore, l’Atp ha provveduto a dare una rinfrescata al sito ufficiale del tour. A livello grafico non è cambiato niente, ma si è ben pensato di rivedere tutte le fotografie inserite a corredo dei profili dei singoli giocatori. Lo spazio web dedicato al circuito maggiore si è concesso un cambio look insomma, ma qualcuno, molto attento ai particolari, si è presto accorto che i conti non tornavano. Che qualcosa proprio non quadrava. E quel qualcosa ha a che fare proprio con il nostro portacolori per eccellenza, vale a dire Jannik Sinner.

Anche la biografia del quarto migliore tennista al mondo ha subito una piccola revisione. I dati relativi alla carriera vengono aggiornati in maniera sistematica, motivo per il quale è possibile già da tempo sapere per filo e per segno quanto ha vinto il nativo di San Candido e quando, di preciso, ha raggiunto il quarto posto nel ranking Atp. Fin qui, tutto è filato liscio. Nessun intoppo, nessun errore.

Sinner, missione rovescio impossibile

Il dato relativo ai soldi che Jannik ha guadagnato fino a questo momento avrebbe potuto distrarci, ma qualcuno, più attento degli altri, ha notato invece qualcosa di molto strano.


Nella nuova fotografia che accompagna statistiche e dati Sinner indossa la maglia della vittoria. Quella con cui è sceso in campo agli Australian Open, la stessa che aveva nel giorno in cui, finalmente, ha alzato al cielo la coppa di Melbourne. Regge la racchetta con il braccio destro, tenendola appoggiata sulle spalle, ma non ha il braccio sinistro.

Già, per effetto di un montaggio o di una scontornatura venuta evidentemente male, la manica della sua maglia firmata Nike è rimasta curiosamente “vuota”. Naturalmente le battute si sono sprecate, non appena qualcuno, sui social network, ha fatto notare l’epic fail. E in effetti, così, si potrebbe avere qualche problema col rovescio a due mani…

Impostazioni privacy