I segreti dell’Atalanta di Gasperini: “Così si diventa una big”

Ormai l’Atalanta si dà quasi per scontata, ma anche quest’anno, con Gasperini, la squadra sta ottenendo risultati da vera big. Ecco i segreti del successo della Dea.

Stefano Colantuono, allenatore italiano, è intervenuto ai microfoni di TVPlay per spiegare i motivi per cui l’Atalanta continua a sfornare campioni e a competere con le big di Serie A. “Mi aspettavo che l’Atalanta avrebbe raggiunto di nuovo un livello di eccellenza perché conosco bene la famiglia Percassi“, ha spiegato Colantuono.

I segreti dell'Atalanta di Gasperini - www.ilveggente.it
Gian Piero Gasperini (LaPresse)

Sapevo che il loro ambizioso progetto avrebbe di nuovo portato a risultati“, ha aggiunto l’allenatore ex Atalanta, Palermo e Salernitana. “Quando è arrivato il presidente ci chiese di cercare di mantenere la categoria il più possibile, perché negli anni precedenti faceva due o tre anni di Serie A e poi retrocedeva dovendo ricominciare tutto da capo“, ha raccontato l’intervistato.

“Se non dai continuità alla categoria, non può accadere quello che poi sta succedendo oggi. E noi ci impegnammo forte a restare in Serie A nonostante i primi due anni iniziati con penalizzazioni. Ci riuscimmo e facemmo, dopo la promozione vincendo la Serie B, quattro anni di fila in Serie A. Arrivavamo quasi sempre circa 50 punti: all’epoca era un successo”.

Colantuono ha ricordato di aver avuto per anni ho il record per il punteggio migliore in Serie A all’Atalanta. “Dopo la società è diventata molto più forte con investimenti maggiori, ma ha fatto il salto di qualità anche al valore di Gasperini, e alla fine oggi l’Atalanta è diventata una realtà, praticamente una big. Non stupisce vederla sempre nelle posizioni alte della classifica“.

I bergamaschi dicono sempre che l’Atalanta è ed era la più grande delle piccole“, ha aggiunto Colantuono, “e questa cosa si è mantenuta per anni. Oggi è diverso. L’Atalanta fa parte delle big, soprattutto con l’arrivo di Gasperini, che ha cambiato completamente il mondo nerazzurro”.

Come Gasperini ha trasformato l’Atalanta in una big: “La vera sorpresa è Scalvini

Colantuono ha poi tessuto le lodi di Scalvini. “Non lo conosco da vicino ma per lui parlano i fatti e il campo. Credo sia uno dei migliori difensori in Italia. Giorgio è un difensore moderno che non fa solo la fase difensiva ma anche molto altro. Un giocatore di caratura europea. Quindi è giusto che l’Atalanta lo faccia pagare caro perché i giocatori se li costruisce con tanta fatica e attraverso un percorso nel settore giovanile con tante risorse impiegate”.

I segreti dell'Atalanta di Gasperini - www.ilveggente.it
Gasperini (LaPresse)

A Bergamo il settore giovanile è intoccabile“, ha dichiarato Colantuono. “Quando la prima squadra andava male e magari retrocedeva, a livello giovanile le squadre vincevano un campionato o uno Scudetto. Il segreto è stato scindere le due cose e a fare due percorsi diversi. Per farlo bisogna essere bravi a non mischiare gli umori della prima squadra con le squadre giovanili. Ora ci sono anche altre realtà importanti, ma l’Atalanta è stata il club precursore in questo senso”.

Al di là di Gasperini, a Colantuono piace molto Thiago Motta: “In Serie A sta facendo molto bene Thiago Motta a Bologna. Direi che è il tecnico che sta facendo il percorso più interessante. Oggi è sulla bocca di tutti, e ce vedo bene in una big. Lui ha avuto il merito di frequentare spogliatoi importanti, era un giocatore di grande carisma e personalità, quindi saprà sicuramente confrontarsi anche con giocatori importanti”.

Impostazioni privacy