Fognini, scintille prima del match: “Sembrava di stare allo zoo”

Fognini, non sarà un esordio facile per il tennista azzurro. Men che meno alla luce di quello che è accaduto nelle ultime ore…

Poteva andargli peggio, ma anche meglio. Non sarà un esordio facile, infatti, per Fabio Fognini, che sarà impegnato già al primo turno contro un avversario di quelli che non ti rendono la vita proprio facile.

Fognini, scintille prima del match: "Sembrava di stare allo zoo"
Instagram

Ad attenderlo a Melbourne ci sarà Thanasi Kokkinakis, che oltre ad essere particolarmente in forma gioca, lo ricordiamo, anche in casa. E questo, si sa, è un dettaglio che nei match può fare la differenza. Il tennista di Arma di Taggia dovrà dunque sfoderare i suoi colpi migliori, se vuole tenere testa al partner in crime di Nick Kyrgios e conquistare il pass per il secondo turno dell’Australian Open. Sarebbe un vero peccato, in effetti, se non avesse neanche la possibilità di passare alla fase successiva. Ma tant’è. Il sorteggio ha decretato questo e non si può fare altro che accettarlo e scendere in campo.

Fognini lo conosce molto bene, Kokkinakis. Si sono affrontati già due volte e in entrambe le occasioni, purtroppo, è stato l’atleta aussie ad avere la meglio sull’azzurro, marito della campionessa Flavia Pennetta. Di certo c’è che comunque vada sarà uno show, considerando che ogni volta che si sono incontrati hanno regalato al pubblico dell’arena uno spettacolo assolutamente indimenticabile. E le premesse perché accada di nuovo, a quanto pare, ci sono tutte.

Fognini e quella provocazione prima dell’esordio a Melbourne

Kokkinakis e Fognini giocheranno all’alba (ora italiana) di martedì 17 gennaio, ma stanno facendo scintille ancor prima dell’esordio al Melbourne Park.

Fognini, scintille prima del match: "Sembrava di stare allo zoo"
Kokkinakis e Kyrgios (Instagram)

L’australiano è stato intervistato dai media locali nelle ore scorse e ha detto, a proposito di Fabio, qualcosa che, conoscendolo, il sanremese non manderà giù tanto facilmente. “Sarà una partita divertente – ha commentato quando è stato interpellato a proposito del primo turno dello Slam nella terra dei canguri – con un’atmosfera pazzesca. L’ultima volta che abbiamo giocato un match sono successe così tante cose che non si possono nemmeno descrivere, è stata l’occasione in cui ho pensato di essere in una specie di zoo, spero che martedì sia un po’ più tranquillo“.

Il riferimento e il parallelismo con lo zoo sono legati, presumiamo, alle reazioni che Fognini ha spesso e volentieri in campo. L’azzurro, che concorrerà all’Australian Open anche nella categoria dei doppisti, in coppia con l’inseparabile amico Simone Bolelli, è noto per le sue sfuriate. Quando gioca e la palla non gira come vorrebbe dà di matto, scaraventando racchette e dicendone di ogni. Riuscirà a mantenere la calma in un incontro che si preannuncia scoppiettante? O il commento di Kokkinakis avrà già scaldato il suo animo ribelle?