Messi vuole restare ma il bambolotto di Mbappé è un caso: PSG spaccato

Messi vuole rimanere al Psg: il contratto in scadenza con il club francese potrebbe essere rinnovato. Ma il bambolotto di Mbappé diventa un caso

Tra i tanti giocatori che hanno il contratto in scadenza il prossimo 30 giugno, c’è che Leo Messi, fresco vincitore della Coppa del Mondo con l’Argentina, trascinata nella nette di Doha con una doppietta. La Pulce ha toccato finalmente il cielo e adesso è a tutti gli effetti una leggenda. Così come Maradona.

Messi vuole restare ma il bambolotto di Mbappé è un caso: PSG spaccato
Mbappé e Messi ©LaPresse

Perché comunque ancora si può discutere sul fatto di chi sia il più forte di tutti i tempi, ma con la vittoria in Qatar l’ex Barcellona e adesso al Psg, è riuscito a vincere davvero tutto non solo con la maglia del proprio club – quello catalano in questo caso – ma anche con quella della nazionale. Bene, adesso torniamo al discorso di prima: Messi come detto ha un contratto in scadenza che però, secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, è pronto a rinnovare: avrebbe dato il suo ok già durante il Mondiale. Anche se la festa in Argentina potrebbe creare dei problemi.

Messi vuole rinnovare, ma c’è il caso Mbappé

A mettere apprensione è la festa dell’Argentina, quella dove il Papu Gomez ha lanciato dei soldi verso i tifosi. Sì, il portiere dell’Albiceleste, Emiliano Martinez, votato anche come Mvp del Mondiale, è stato beccato – anche se non ha fatto nulla per nascondersi – con un bambolotto con la faccia di Mbappé.

E questo inquieta i tifosi parigini. Anzi, a quanto pare, li ha mandati proprio al manicomio visto che un bar, in Francia, ha messo la maglia della squadra campione del Mondo, quella di Messi in particolare, come zerbino all’entrata. Insomma, i piedi si puliscono con la casacca della squadra di Scaloni che ha trionfato in Qatar.

Il Psg è a un bivio se le cose non cambieranno nell’arco delle prossime settimane e se tra i due non ci sarà un chiarimento. Soprattutto perché – e le immagini parlano chiaro – Messi non si è “dissociato” da quanto fatto da Martinez, anzi era accanto al portiere proprio quando lui abbracciava il bambolotto. Un bambolotto che ha piazzato una tripletta in finale ma che è tornato a casa solamente con il titolo di capocannoniere e nient’altro. Ma adesso i problemi sono altri.