Berrettini, Australia galeotta: la coppia che non ti aspetti

Berrettini, questa proprio non ce l’aspettavamo: ecco cosa ha combinato il martello romano e con chi fa coppia adesso.

Non possiamo non usare il condizionale, ma sembra proprio che Matteo Berrettini ricomincerà il suo cammino verso la vetta del ranking Atp dalla terra dei canguri. Il mitico martello romano ha confermato la sua presenza alla prima edizione della Tennis United Cup, una competizione con un format tutto nuovo.

Berrettini, Australia galeotta: la coppia che non ti aspetti
Instagram

Quello che si giocherà dal 29 dicembre all’8 gennaio, prima dell’Australian Open, sarà un un torneo misto a squadre. L’ex numero 1 del Bel Paese gareggerà ovviamente per la sua Italia, che come ha voluto il sorteggio è capitata nel girone della Norvegia di Casper Ruud e del Brasile.

Si tratterà di un evento itinerante, nel senso che i sei gironi si disputeranno tra Sidney, Brisbane e Perth. Ogni Paese sarà rappresentato da quattro uomini e quattro donne e sono previsti, per ogni sfida, quattro incontri di singolare – due maschili e due femminili – e un doppio misto.

Berrettini, doppio misto che passione: ora tocca a lei

Con la pubblicazione del tabellone da parte degli organizzatori dell’evento australiano si è così materializzata un duetto completamente inaspettato. Matteo Berrettini farà coppia con Lucia Bronzetti, la tennista ventitreenne di Rimini che quest’anno ha fatto un gran bel balzo nella classifica Wta.

Lorenzo Musetti e Martina Trevisan, gli altri due componenti del piccolo “comitato” di rappresentanza dell’Italia, esordiranno il 2 gennaio in sessione diurna contro i norvegesi Viktor Durasovic e Ulrikke Eikeri. Gli altri azzurri iscritti al torneo sono Andrea Vavassori, Marco Bortolotti, Camilla Rosatello e Nuria Brancaccio.

Berrettini e Bronzetti dovranno invece essere già pronti il 30 dicembre, per il gran debutto in United Cup contro il Brasile di Thiago Monteiro e di Laura Pigossi. Una formula interessante che ci permetterà, in virtù dei doppi misti in programma, di assistere a spettacoli diversi dal solito e, per questo, molto interessanti. Riuscirà stavolta l’Italia, trainata dal romano e dal carrarino e dalle due colonne del tennis nostrano femminile, a portarsi fino in finale?