Emma Raducanu, scandalo a corte: sentenza impietosa

Emma Raducanu di nuovo nel mirino: la tennista britannica è stata protagonista di uno scandalo a corte che sta facendo molto discutere.

Non ha più importanza il fatto che in questa stagione non abbia raggiunto i risultati che tutti si aspettavano raggiungesse. Emma Raducanu è riuscita a rifarsi proprio sul più bello, conquistando un titolo prestigioso tanto quanto quello che poco più di un anno fa si era accaparrata al Flushing Meadows.

Emma Raducanu, scandalo a corte: sentenza impietosa
Instagram

La tennista britannica ha provato le stesse emozioni, la stessa gioia. Perché si tratterà pure di un “premio” diverso dalla coppa che le è stata data in dono per aver vinto lo Us Open, ma sempre di un “trofeo” si tratta.

La campionessa dello Slam 2021 della Grande Mela ha quindi vissuto una giornata incredibile. È stata ospite del castello di Windsor e a riceverla è stato nientepopodimeno che re Carlo III in persona, nell’ambito di una cerimonia di cui è stata la stella assoluta pur non essendo l’unica celebrità presente.

Emma Raducanu nel mirino: quell’incontro con re Carlo III

Emma Raducanu, scandalo a corte: sentenza impietosa
Instagram

Il sovrano ha conferito ad Emma Raducanu il titolo di Cavaliere dell’Ordine dell’Impero britannico e lo ha fatto, naturalmente, per i risultati da lei conseguiti in ambito tennistico. La giovane atleta, splendida nel suo completo bon ton, ne è stata naturalmente entusiasta, come confermano la carrellata di foto postata sui social e le parole che ha usato nel comunicato stampa ufficiale.

Si è detta felicissima di avere incontrato il re e di avere ricevuto un così importante riconoscimento. A soli 19 anni, come se non bastasse, che non è affatto un dettaglio di poco conto, anzi.

Fatto sta che il titolo ci stava tutto, considerando che trionfando allo Us Open a soli 18 anni ha battuto due record: è stata la prima britannica a vincere uno Slam dal 1977, da quando c’era riuscita Virginia Wade, e la prima nella storia ad alzare la coppa partendo dalle qualificazioni. Un merito sul qual l’impero britannico proprio non avrebbe potuto sorvolare, benché siano tantissimi gli utenti social che hanno “bocciato” Emma e sentenziato che sia scandaloso che il re l’abbia insignita di un tale e prestigiosissimo titolo.