Formazioni ufficiali Cremonese-Milan: pronostico marcatori, ammoniti e tiratori

Cremonese-Milan, le formazioni ufficiali: pronostico marcatori, ammoniti e tiratori della sfida che vedrà protagonisti i rossoneri.

Il Milan per provare a tenere il passo del Napoli delle meraviglie, la Cremonese per incamerare tre punti di vitale importanza nella corsa salvezza: allo “Zini” si disputa un match dal valore specifico non indifferente. I rossoneri si presentano alla sfida con la con la compagine di Alvini con la consapevolezza di non poter più sbagliare. Salvati dalla semi-rovesciata di Giroud contro lo Spezia, i Campioni d’Italia uscenti vogliono chiudere il 2022 nel migliore dei modi. Ecco le scelte di formazione dei due allenatori:

Cremonese-Milan Pronostico Marcatori
Stefan Pioli

CREMONESE (3-5-2): Carnesecchi; Aiwu, Bianchetti, Vásquez; Ghiglione, Meïté, Escalante, Castagnetti, Valeri; Afena-Gyan, Ciofani. All. Alvini.

MILAN (4-2-3-1): Tătărușanu; Thiaw, Kjær, Tomori, Ballo-Touré; Bennacer, Tonali; Messias, Díaz, Rebić; Origi. All.Pioli

Cremonese-Milan, il pronostico marcatori

Out Leao – Pioli ha voluto concedere al proprio fuoriclasse un turno di riposo, con il portoghese che partirà inizialmente dalla panchina – nella posizione di esterno sinistro agirà Ante Rebic, che dovrebbe riuscire a mettere a segno almeno un goal. La Cremonese, infatti, proverà ad imbastire una partita coraggiosa, non snaturando il proprio diktat tattico. Ragion per cui, tenendo probabilmente il baricentro molto alto, i padroni di casa dovrebbero esporsi a qualche ripartenza. Difficile, ma non impossibile, un’eventuale “combo” marcatori Rebic-Brahim Diaz.

Cremonese-Milan, probabili ammoniti e tiratori

I rossoneri proveranno a creare costantemente la superiorità numerica sulle corsie esterne. Scenario propizio ad un’ammonizione di Escalante, che non a caso rischia seriamente di finire sul taccuino del direttore di gara. Occhio alle occasioni da calcio da fermo: Tomori si candida a scagliare almeno una conclusione nello specchio della porta avversaria, magari facendo leva proprio su quello strapotere fisico di cui si parlava poc’anzi.