Pennetta all’arrabbiata: Fognini trascinato e umiliato

Fognini, Flavia Pennetta crudele come non mai: ecco cosa ha fatto l’ex campionessa al “povero” marito tennista.

Fabio Fognini e Flavia Pennetta sono una di quelle coppie che ti fanno venire voglia di innamorarti e metter su famiglia. Sono complici come pochi e non perdono occasione, sui social e non solo, per urlarsi a gran voce l’amore che nutrono l’uno nei confronti dell’altra.

Pennetta all'arrabbiata: Fognini trascinato e umiliato
©️LaPresse

Nonché per prendersi in giro, giocherelloni e goliardici come sono, a dispetto del tempo che passa e delle candeline che inesorabilmente aumentano di anno in anno. Sono adulti, certo, ma è bello che non nascondano i “bambini” che hanno dentro. Che li tirino fuori ogni volta che ne capita l’occasione.

Come ha fatto ieri, d’altra parte, la stessa Flavia, che ha approfittato di un momento di distrazione del marito per sfotterlo un po’ in quella piazza virtuale che è Instagram. Una “vendetta”, forse, considerando che appena qualche ora prima lui aveva postato qualcosa che la riguardava.

Fognini, Flavia Pennetta doppiamente crudele

Pennetta all'arrabbiata: Fognini trascinato e umiliato
Instagram

Iniziamo dal principio. A lanciare la sfida social è stato Fognini, che ha pubblicato uno scatto della moglie che lo aveva trascinato in una sessione di shopping sfrenato in quel di Milano. Cosa che il tennista pare non avere apprezzato troppo, vista l’emoticon “dormiente” aggiunta in calce alla foto della bella Flavia.

E così, poco dopo, la Pennetta si è vendicata. Non contenta di averlo coinvolto in quell’attività generalmente poco gradita al sesso maschile, lo ha addirittura preso in giro su Instagram con un piccolo reel tutto da ridere.

Nel filmato si vede Fognini seduto a tavola che armeggia con lo smartphone, e fin qui non ci sarebbe nulla di strano, se non fosse per l’effetto che Flavia ha aggiunto al video. Il naso e le orecchie da coniglietto non donano particolarmente al campione di Sanremo. E possiamo solo immaginare, quindi, quanto si sia infuriato quando ha scoperto quale piccola marachella avesse combinato la sua “dolce” (?) metà.