Tennis, uno di questi due bambini deve tutto a suo fratello: chi sono?

Tennis, questa buffa coppia di fratelli ha alle spalle una storia davvero bellissima: ecco chi sono e com’è iniziato tutto.

La cosa più difficile non è imparare ad eccellere in uno sport. Per quello bisogna avere una certa predisposizione, è ovvio, altrimenti non si va da nessuna parte. Ma la parte più complicata, in verità, non è apprendere il rigore e la disciplina. Quanto, piuttosto, capire che è importante credere in se stessi e nelle proprie capacità.

Tennis
Instagram

Una cosa che non è affatto scontata, men che meno di questi tempi. E lo sa bene un certo campione italiano, che in diverse interviste ha sempre ammesso che non avrebbe scommesso un solo centesimo sul suo futuro. Che non si credeva capace di arrivare dove, invece, è arrivato. E dove, poi, è rimasto anche piuttosto a lungo.

Lo stesso tennista che deve tutto, o quasi, a suo fratello, in compagnia del quale appare in questo scatto dolcissimo arrivato direttamente dall’archivio di famiglia. Ma chi sono, appunto, i due birbantelli protagonisti di questa foto che racconta, a suo modo, un legame indissolubile?

Tennis, due fratelli e una passione comune

Tennis
Instagram

Sono i mitici fratelli Berrettini, Matteo e Jacopo. Due uomini totalmente diversi, sia a livello estetico che di personalità, che condividono però una passione incommensurabile: quella per il tennis. E anche se sono in pochi a saperlo, il numero 2 d’Italia è tale grazie al sostegno del secondogenito di casa.

Fu Jacopo a spronare Matteo ad impegnarsi sempre più nel tennis. A fargli capire, bontà sua, che aveva del talento e che sarebbe stato un peccato sciuparlo o, peggio ancora, non sfruttarlo. Perché lui in fondo lo aveva già capito, che suo fratello poteva arrivare in alto, dove solo i campioni, quelli veri, meritano di stare.

Un premio va allora all’innegabile lungimiranza di Jacopo, cacciatore di teste e scout al quale l’Italia deve tutto. Un ragazzo genuino e di sani principi, esattamente come il fratello, che non perde occasione per prenderlo in giro e anche per manifestare l’amore viscerale che li lega.