Berrettini, una riserva che vale oro: sono ore frenetiche

Berrettini arriva a Londra per la Laver Cup nel momento più caldo: ecco cosa sta succedendo nella capitale britannica.

Era già successo qualche settimana fa con Serena Williams ed era inevitabile che, una volta circolata la notizia di un altro illustre ritiro, la storia si sarebbe ripetuta. Anche a Londra, così come a New York la scorsa estate, è esplosa la tennis mania nel momento stesso in cui Roger Federer ha affidato ai social la sua lettera d’addio.

Berrettini
©️LaPresse

Tutti sognano, adesso, un posto alla O2 Arena della capitale britannica, che ospiterà l’ultimo ballo del campione svizzero che ha fatto sognare tutti con la sua classe e la sua eleganza. Che la Laver Cup sia un evento meritevole di una certa attenzione mediatica è fuori discussione, ma è innegabile che non abbia mai destato così tanto interesse nel pubblico internazionale.

E non ci stupisce affatto né che l’arena sia quasi sold out per tutte e tre le giornate della competizione, né che i prezzi degli ultimi biglietti rimasti costino un occhio della testa. Chi volesse godersi in diretta il congedo del re dal tennis dovrà sborsare, udite udite, da 28mila a 50mila euro circa, centesimo in più, centesimo in meno.

Berrettini in singolare al posto di Federer?

Berrettini
©️LaPresse

Il tutto anche a costo di rimanere con un pugno di mosche in mano, considerando che la presenza di Roger, purtroppo, non è affatto scontata. Quasi certamente giocherà un match di doppio nella serata inaugurale, quella di venerdì, ma potrebbe limitarsi, appunto, solo ed esclusivamente a quello.

Appare assai improbabile, date le condizioni del suo ginocchio, che decida di scendere in campo per un singolare. A quel punto la palla passerebbe a Matteo Berrettini, riserva del Team Europe di Bjorn Borg ed invitato a Londra, guarda caso, proprio in extremis, mentre era impegnato a Bologna per la Coppa Davis.

La sua performance varrebbe, quindi, oro. Nel vero senso della parola. Sostituire Federer sarebbe brutto ma per certi versi anche bello, dal momento che il martello romano avrebbe la possibilità di esibirsi dinanzi ad un pubblico così prestigioso. Riuscirà Roger a farsi forza, o passerà la palla al suo collega italiano?