Federica Masolin si è arresa: non lo sopportava più

Federica Masolin, impossibile non accorgersene: la giornalista ha sventolato bandiera bianca e non ha voluto saperne più niente.

Quando stelle e campioni giocano in casa è tutta un’altra storia. Lì, complice un clima molto più familiare, per un motivo o per un altro si dà sempre il meglio di sé. E non vale solamente per gli sportivi, che nelle gare casalinghe riescono la maggior parte delle volte a dare filo da torcere a tutti.

Federica Masolin
Instagram

Vale anche per gli addetti ai lavori. Federica Masolin è talmente felice che sia finalmente scoccata l’ora della tappa italiana del Mondiale di Formula 1 da non stare nella pelle. Aveva già annunciato che il turno del Bel Paese era finalmente arrivato, ma adesso che siamo a ridosso del grande evento sembra quasi che stenti a crederci.

Guarda caso, in questi giorni è stata attiva sui social come non mai. E lo è stata in particolar modo ieri, quando dietro le quinte dell’Autodromo di Monza sono iniziate le grandi manovre in vista dell’appuntamento annuale più atteso dagli italiani e dagli appassionati dell’automobilismo.

Federica Masolin, se ne sono accorti tutti

Federica Masolin
Instagram

Ieri però la bella giornalista di Sky Sport si è fatta beccare con le mani nella marmellata. Letteralmente. Ha postato due scatti diversi a distanza di qualche ora senza rendersi conto che probabilmente tutti avrebbero potuto accorgersi del suo segreto.

Nella prima delle due foto in questione posa con indosso un abitino molto attillato e delle décolleté a punta, dal tacco sottile e abbastanza alto da far venire le vertigini. Talmente alto che ad un certo punto, a quanto pare, il dolore si era fatto insopportabile per la bella ragazza tutta acqua e sapone.

Federica Masolin
Instagram

Nello scatto successivo, infatti, Federica Masolin indossa sempre lo stesso abitino – corto e smanicato – ma le scarpe di qualche ora prima sono scomparse come per magia. In questo indossa dei semplicissimi anfibi, gli stessi che aveva già sfoggiato in occasione della tappa olandese del Mondiale. Una mise molto più consona alla sua semplicità e al suo modo di essere.