US Open, punizione esemplare: lo ha fatto davanti a tutti – VIDEO

US Open, il pubblico da casa e gli spettatori presenti all’Arthur Ashe Stadium sono rimasti a bocca aperta: l’ha fatto davvero.

L’occasione è assai ghiotta, benché le insidie siano inesorabilmente in agguato. Sarebbe bello se Matteo Berrettini riuscisse a prendersi la sua rivincita dopo la disfatta di Gstaad dello scorso luglio, ma la verità è che ai quarti di finale dello Us Open non avrà assolutamente vita facile.

Us Open
©️LaPresse

Troverà di nuovo lungo il suo cammino Casper Ruud, che in quella domenica pre agostana era riuscito a soffiargli via da sotto il naso il titolo dello Swiss Open. Fu un match combattuto, quello alla Roy Emerson Arena, e ci sono buone ragioni per pensare che lo sarà anche domani.

La posta in palio, ossia la semifinale dello Slam a stelle e strisce, è ben più alta di quella che c’era in ballo all’Atp che si gioca nel suggestivo scenario delle Alpi Svizzere. Né il norvegese e né l’italiano, a caccia di punti e di rivalsa, ci rinunceranno quindi troppo facilmente.

US Open, un errore pagato a caro prezzo

L’avversario di Berrettini è peraltro incredibilmente in forma. Ieri ha fatto un sol boccone dell’ennesimo avversario, il lucky loser Corentine Moutet, concedendogli un solo set, il terzo. Ed è stato proprio il francese, durante la gara all’Arthur Ashe Stadium, a regalargli uno dei momenti più “alti” di questo Us Open.

Sul finire del primo parziale, il francese si è difatti reso protagonista di un siparietto tutto da ridere (qui ce n’è un altro, anch’esso imperdibile). Era ad un punto dal vincere il game, ma nel recuperare una palla è scivolato sul cemento. E non si è rialzato subito, come avrebbe fatto qualsiasi altro tennista. No, ha fatto di meglio: si è inflitto una punizione.

Giacché era già in posizione, Moutet ha scontato la pena per l’errore appena commesso facendo dieci flessioni. Sì, avete capito bene. Così ha deciso di punirsi il simpaticissimo lucky loser francese, che indipendentemente da come sia andata la sua corsa al titolo Slam sarà ricordato per le grasse risate che ha regalato al pubblico in questa prima domenica di settembre.