Sinner e quelle cattive influenze | Il monito: “La smetta”

Sinner, il rimprovero è arrivato forte e chiaro all’indirizzo del tennista altoatesino: cosa è successo e chi lo ha ammonito.

C’è stato un tempo, non troppo lontano, in cui Jannik Sinner sembrava seriamente intenzionato ad assoldarlo. La presenza di John McEnroe nel suo team, in qualità di super coach, pareva ormai scontata. Si attendeva solo la conferma ufficiale che, però, non è mai arrivata.

Sinner
©️LaPresse

Oggi sappiamo che alla leggenda del tennis a stelle e strisce ha preferito Darren Cahill, che è al suo fianco già dall’avventura sui prati inglesi. Non sappiamo cosa lo abbia spinto a cambiare idea di colpo, ma la sensazione è che con l’australiano si trovi molto bene e che, con la supervisione di Vagnozzi, stiano facendo un ottimo lavoro.

McEnroe l’ha ormai accettato, ma è evidente che gli dispiaccia enormemente che l’altoatesino abbia finito con lo scartarlo. Ha più volte sottolineato che gli sarebbe piaciuto allenare Jannik, nei confronti del quale nutre una grande stima, tant’è che ancora adesso, nonostante il due di picche, continua a tesserne lo lodi.

Sinner, è lui il tuo sostenitore numero uno

Sinner
©️LaPresse

In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera ha ribadito ancora una volta il concetto: “Lo dico da anni – queste le parole dell’ex tennista – per me Jannik è un plurivincitore Slam“. Già questa frase la dice lunga sull’opinione che ha del numero 1 d’Italia, ma gli elogi non sono finiti qui.

“A Wimbledon – ha osservato ancora – Jannik ha fatto un salto di qualità. Ha poco da rimproverarsi: quando Djokovic sale così di livello, non c’è niente da fare. Jannik è un cantiere aperto: vediamo cosa succede nei prossimi sei mesi, intanto deve consolidarsi come top 10″.

Infine, una riflessione sulla scelta dell’australiano come super coach: “Non dubito che Cahill, per quanto la più ovvia, sia stata anche una scelta giusta per Sinner”. Più un consiglio preziosissimo legato alle critiche, sempre più frequenti e portatrici di cattivissime influenze, sui vari social network: “La smetta di leggere i commenti sui social!”.