Verstappen, Hamilton e i 2 milioni di danni: il suocero l’ha fatta grossa

Verstappen, Hamilton, e i 2 milioni di dollari di danni. Il suocero di Max questa volta l’ha fatta davvero grossa

Della storia di quel commento razzista fatto da Piquet, tre volte campione del Mondo di Formula Uno e anche suocero di Max Verstappen, ve ne abbiamo già parlato nei giorni scorsi. Nel “mirino” c’era finito Lewis Hamilton, che qualche anno fa era stato apostrofato “negretto” dal brasiliano. Una vicenda venuta fuori solamente nelle scorse settimane che ovviamente aveva scatenato delle durissime polemiche.

Verstappen e Hamilton
Max Verstappen ©️LaPresse

Dopo le parole adesso a quanto pare s’è passato ai fatti. Non una presa di posizione del sette volte campione del Mondo inglese, ma da parte di quattro gruppi di diritti umani che si sono rivolti a un giudice brasiliano per denunciare l’accaduto. E per tutta risposta è arrivata – secondo quanto raccontato da Sport Mediaset – l’apertura di una indagine in merito a quelle frasi.

Verstappen, Hamilton e quel commento razzista

Hamilton
Lewis Hamilton ©️LaPresse

La richiesta economica è assai importante. Dieci milioni di real brasiliani che al cambio sarebbero 1,86 milioni di euro. Si tratta di danni morali, causati a quelle persone di colore e alla comunità Lgbtq. Al momento però è solamente la fase iniziale di una indagine e vedremo gli sviluppi nelle prossime settimane, ma se il giudice decidesse che Piquet è colpevole, allora questo maxi risarcimento dovrà essere pagato.

Il brasiliano – come detto la figlia Kelly è fidanzata con l’attuale numero 1 del Mondo e leader della classifica – si è immediatamente scusato dopo l’accaduto spiegando di essere stato mal interpretato. Potrebbe anche essere e non non ci invischiamo nelle decisioni che un giudice prenderà, ma la caduta di stile, almeno quella, c’è stata ed è stata evidente. Così evidente che anche Verstappen ha preso la parola e ha cercato di difendere il suocero. Senza successo, però.