Berrettini e quello che gli altri non dicono: la verità sul ritiro a Wimbledon

Berrettini, la notizia della sua positività al Covid ha spinto qualcuno a raccontare la verità su quanto accaduto negli spogliatoi.

Il nostro cuore si è spezzato insieme al suo. Perché il suo sogno di vincere Wimbledon, in fondo, era anche un po’ il nostro, che questo appuntamento lo aspettavamo da 12 mesi. Ma ancora una volta il destino si è preso gioco di Matteo Berrettini, mandando in frantumi le sue speranze di imporsi sul sacro Slam dei prati.

Berrettini
©️LaPresse

La notizia del suo ritiro causa Covid è stata diffusa nella tarda mattinata di ieri, ma forse non si è trattato di un fulmine a ciel sereno come tutti lo abbiamo reputato. Le avvisaglie c’erano eccome e avremmo in realtà potuto subodorarlo, che qualcosa non andava negli spogliatoi dell’All England Club.

Il romano non si era presentato, tanto per cominciare, alla conferenza stampa pre-torneo in programma domenica. Cosa assai strana, per un finalista uscente al quale sarebbe stato indubbiamente riservato un ruolo di primissimo piano nell’ambito dell’incontro con la stampa e con i media.

Berrettini e il Covid, la pesante denuncia di Cornet

Berrettini
©️LaPresse

Pare inoltre, come reso noto con un tweet dall’ex tennista Paolo Bertolucci e confermato in seconda istanza dalla Gazzetta dello Sport, che nel fine settimana il suo programma di allenamento sia stato più volte modificato. Fino a che il suo nome non è stato cancellato dalle sessioni di domenica e di lunedì. Era inoltre scomparso dai social e, a differenza dei primi giorni, non circolavano più scatti che lo ritraevano in Church Road in compagnia degli altri tennisti. I segnali c’erano tutti insomma, ma presi com’eravamo a tenere le dita incrociate in vista del suo esordio semplicemente non li abbiamo colti.

Ma tant’è. Ormai è andata così. Inutile pensare a cosa avrebbe potuto essere e non sarà. A quel tampone che avrebbe potuto non fare ma che invece ha fatto perché la stoffa del campione non la si tira fuori solo in campo, ma anche nella vita. Quando anziché rincorrere il tuo sogno preferisci tutelare quello degli altri. Cosa che pare nessuno abbia pensato di fare, invece, in occasione del recente Slam francese.

A sganciare la bomba , poco dopo la notizia del ritiro di Matteo, è stata la tennista francese Alizé Cornet, che ha confessato a Le Parisien qualcosa che va nettamente in controtendenza rispetto alla “galanteria” di Berrettini: “Al Roland-Garros c’è stata un’epidemia di Covid-19 e nessuno ne ha parlatoNegli spogliatoi ce l’avevano tutti e nessuno ha detto niente”. “Deve essere stato un tacito accordo tra di noi – ha aggiunto – Non faremo autotest per non finire nei guai. Ho visto ragazze che indossavano mascherine perché non volevano farla passare… Ma non dirò altro”. No, anche perché hai già detto tutto.