Un uomo dalle mani d’oro per Sinner: la rivoluzione inizia sull’erba

Sinner, dopo Bianchi debutta nel team dell’altoatesino una nuova figura che potrebbe essere cruciale per il prosieguo della stagione.

Jannik Sinner completamente sparito dai radar da oltre due settimane, ma è ricomparso all’improvviso con un video e con qualche parola ad accompagnare le immagini sullo schermo. Il fatto che avesse deciso di cancellarsi da Halle aveva preoccupato tutti, ma a quanto pare la situazione – per fortuna – non era grave come si era pensato.

Sinner
©️LaPresse

Mi dispiace se è un po’ che non mi faccio sentire – ha twittato – è stato davvero frustrante per me ritirarmi dal Roland Garros. Il ginocchio sta meglio e mi sto allenando per Eastbourne. Non vedo l’ora di giocare sull’erba”. Non è prolisso, il tennista altoatesino, ma le poche parole che ha affidato ai social erano quelle giuste. Quelle che i fan attendevano di sentire dal giorno in cui aveva alzato bandiera bianca a Parigi.

Dal video si evince che si sta allenando sui campi di Montecarlo, ma partirà oggi stesso per l’Inghilterra per completare la sua preparazione in vista dell’esordio sull’erba dell’East Sussex. Con lui ci saranno mister Simone Vagnozzi e il fisioterapista Jérôme Bianchi, appena ingaggiato, ma anche un’altra new entry il cui arrivo nel team è appena stato annunciato.

Un nuovo preparatore per Sinner

Sinner
©️LaPresse

L’altoatesino ha assoldato nelle ore scorse un nuovo preparatore: come fa sapere la Gazzetta dello Sport si tratta di Umberto Ferrara, che ha già lavorato con Vagnozzi ai tempi in cui seguiva Marco Cecchinato. C’era proprio lui, dietro le quinte, quando il palermitano disputò la semifinale a Parigi.

All’infortunio insorto nel bel mezzo del Roland Garros ha fatto seguito, dunque, un gran bello scossone. Sinner ha dovuto giocoforza invertire la rotta e rafforzare ulteriormente il suo team con un fitness coach che sapesse il fatto suo, avendo intuito, alla luce dei risultati, che qualche tassello ancora mancava.

I primi frutti di questo lavoro li vedremo già ad Eastbourne, dove Jannik concorrerà in qualità di testa di serie numero 2. Poi, in prospettiva, sarà tempo di pensare a Wimbledon: la caccia ai punti sull’erba è appena iniziata e Sinner, che non vede l’ora di riassaporare l’ebbrezza di stare in top ten, vorrà certamente essere competitivo come non mai.