Musetti, scalata col brivido: tifosi in apprensione

Musetti, a Forlì non è stata una passeggiata: ecco cosa gli ha impedito di giocare il suo miglior tennis e perché i suoi fan hanno paura.

In quanto tennista già in grado di competere ad alti livelli – vedi primo turno del Roland Garros, quando ha letteralmente fatto tremare il greco Stefanos Tsitsipas – era il favorito al Challenger di Forlì. Nonostante questo, e malgrado in effetti alla fine abbia vinto, per Lorenzo Musetti non è stata proprio una passeggiata.

Musetti
Instagram

Nel primo set le cose si erano messe male. Ma sapeva bene, il carrarino, che i punti in palio gli servivano come il pane, ora che molti di quelli in suo possesso sono ormai in scadenza. Si è così alzato le maniche, ha affilato le armi e si è subito riportato in una situazione di parità, per poi ribaltare il punteggio e vincere il match contro Francesco Passaro.

Musetti è però stato sincero: a fine partita ha dichiarato che il suo avversario avrebbe meritato la vittoria molto più di lui. E se vi state chiedendo come sia possibile che un talento del suo calibro abbia rischiato di soccombere in un match teoricamente molto semplice, sappiate che c’è qualcosa dietro.

Musetti e quel problema al diaframma: che succede?

Musetti
Instagram

Lorenzo non stava benissimo. Pare che stia facendo i conti con un problema al diaframma che gli impedisce di respirare correttamente e che questo si ripercuota, per ovvie ragioni, sul suo gioco e sulla sua performance.

La notizia, diffusa stamattina dai principali media italiani, ha ovviamente sortito molta preoccupazione tra i suoi fan. I sostenitori di Musetti hanno ora paura che questo nuovo fastidio possa in qualche modo compromettere la stagione sull’erba che per lui avrà inizio domani, al Stoccarda Open, contro il georgiano Basilashvili.

Il fatto che non abbia rinunciato al 250 – che sancirà il ritorno in campo di Matteo Berrettini – ci fa però presumere che si tratti di un problema risolvibile. Che non ha gli ha impedito, fortunatamente, di accaparrarsi i punti in palio a Forlì e di risalire la classifica Atp: con questo bottino è passato dal 66esimo al 59esimo posto, a 3 posizioni appena dal suo best ranking