Camila Giorgi ha occhi solo per lui: la conferma arriva da Parigi

Camila Giorgi non riesce a nasconderlo. Alla fine della gara contro la Sabalenka i suoi occhi hanno parlato chiaro come non mai.

Aryna Sabalenka si era illusa di aver trovato il modo di battere Camila Giorgi. Ma, peccato per lei, questa illusione è durata molto poco. Giusto il tempo di un set. Già, perché da quel momento in poi la musica è cambiata da così a così e non c’è più stata storia sul rosso del Simonne-Mathieu.

Camila Giorgi
©Ansafoto

Per la tennista azzurra la soddisfazione è doppia. Ieri ha brindato sia alla vittoria che al fatto di essere approdata per la prima volta nella sua carriera alla seconda settimana del Roland Garros. Mai, prima d’ora, era riuscita ad arrivare agli ottavi di finale dello Slam parigino.

Il che rende il match contro la numero 7 del mondo, che negli ultimi due parziali è stata letteralmente annichilita dalla Giorgi, ancor più speciale. Camila è tornata e lo ha fatto in grande stile, giocando il suo miglior tennis e ricordando agli italiani di cosa possa essere capace quando è in vena.

Camila Giorgi, uno sguardo per celebrare la vittoria

Ad attenderla agli ottavi ci sarà un’altra avversaria molto ostica, Daria Kasatkina, che in questo Roland Garros è tra le tenniste che hanno perso meno game in assoluto. Poco male, perché la marchigiana potrà fare affidamento, come sempre del resto, su una persona che è sempre dalla sua parte.

Ci riferiamo a papà Sergio, punto di riferimento e certezza incrollabile nella vita della bella Camila. Un legame molto speciale, il loro, come la ragazza ha avuto modo di confermare anche ieri stesso al termine della gara contro Aryna Sabalenka.

Quando la palla dell’avversaria è finita dritta a rete, sancendo la vittoria dell’italiana, la numero 1 d’Italia ha subito rivolto il suo sguardo verso la tribuna. Nel punto, precisamente, in cui era seduto il suo papà-coach, al quale ha regalato uno sguardo colmo di soddisfazione e di orgoglio e dal quale cercava, evidentemente, approvazione. Lo sapevamo già, ma questo lo conferma: non ha occhi che per lui.