Serie A, lotta all’Europa: tutte le combinazioni

Serie A, lotta all’Europa: tutte le combinazioni. Ci sono quattro squadre che si giocano tre posti per viaggiare fuori dall’Italia il prossimo anno

Quattro squadre per tre posti. Lazio, Roma, Atalanta e Fiorentina. Sarri, Mourinho, Gasperini e Italiano si giocano qualcosa di assai importante per il prossimo anno. Non solo i viaggi in Europa, ma anche tanti introiti per le rispettive società. Che variano, ovviamente, per l’Europa League e per la Conference. Intanto partiamo da un fatto: se la Roma dovesse arrivare ottava, vincendo poi la Conference, l’Italia avrebbe tre squadre in Europa League e una appunta nella terza manifestazione della Uefa. Uno scenario possibile.

Serie A
Maurizio Sarri ©️LaPresse

Anche in questo caso, comunque, così come nella lotta retrocessione, il primo criterio dopo la classifica è quello degli scontri diretti. Andiamo con ordine, comunque: se la Lazio dovesse espugnare il terreno di gioco della Juventus lunedì, e Fiorentina e Atalanta non dovessero vincere, allora i biancocelesti sarebbero certo di un posto in Europa League l’anno prossimo. Gli uomini di Sarri, comunque, appaiono sicuramente i favoriti visto che a due giornate dal termine hanno tre punti di vantaggio sulle altre.

Serie A, le altre combinazioni

Roma-Venezia
José Mourinho ©️LaPresse

Poi c’è la Roma di Mourinho, a quota 59 punti, gi stessi di Fiorentina e Atalanta. Ma i giallorossi sono avanti negli scontri diretti e qualora dovessero vincere contro il Venezia, e Fiorentina e Atalanta dovessero perdere, allora potrebbero brindare alla qualificazione in Europa League con novanta minuti di anticipo. Al momento, al settimo posto, c’è la Fiorentina rispetto all’Atalanta. Gli uomini di Italiano sono quindi padroni del proprio destino: vincerle entrambe significherebbe Conference League. Arrivare a pari punti con quelle davanti, per via degli scontri diretti, non permettere alla Viola di andare comunque oltre alla manifestazione europea che è nata quest’anno.

Infine l’Atalanta: deve vincerle entrambe la squadra di Gasp per sperare. E ovviamente deve sperare, anche, che qualcuno lì davanti freni. La Dea potrebbe essere decisiva anche per la corsa allo scudetto, visto che domani affronta il Milan a San Siro. Serve un colpaccio per continuare a crederci, e serve un colpaccio che sarebbe sicuramente ben accetto all’Inter, poi impegnata a Cagliari. Insomma, Europa, scudetto, e retrocessione sono intrecciate e anche tanto.