Sinner e Musetti rivali: Madrid e quell’incrocio infuocato

Sinner, a Madrid si profila all’orizzonte un possibile derby con il collega italiano Musetti: ecco perché sarebbe una gara imperdibile.

Due modi di giocare diametralmente opposti. Due personalità che non potrebbero essere più diverse di così. Jannik Sinner e Lorenzo Musetti non hanno molto in comune, se non il fatto di essere due tra i tennisti più rappresentativi della NextGen e dell’Italia che, speriamo, sarà.

Sinner
©️LaPresse

Seppur le loro carriere siano appena iniziate, sia l’altoatesino che il carrarino si sono già guadagnati la stima del pubblico. E non solo dei non addetti ai lavori, ma anche degli esperti. Proprio qualche giorno fa, in occasione della presentazione della serie Sky di cui saranno protagonisti, i quattro atleti che nel ’76 vinsero la Coppa Davis hanno detto meraviglie sul loro conto.

Panatta, Bertolucci, Barazzutti e Zugarelli hanno speso parole bellissime nei loro confronti. Soprattutto per Musetti, che a detta di Bertolucci sarebbe “il più dotato dal punto di vista tecnico” tra i tennisti italiani attualmente su piazza. E ora, manco a farlo di proposito, Lorenzo potrebbe avere l’occasione di dimostrare che l’ex gloria di Forte dei Marmi ha ragione.

A Madrid derby Sinner-Musetti all’orizzonte

Sinner
©️LaPresse

L’occasione cui alludiamo potrebbe presentarsi tra pochi giorni, sulla terra rossa madrilena, dove si sta giocando uno dei Masters 1000 più importanti della stagione. Si profila infatti all’orizzonte un accesissimo derby tutto azzurro al quale gli italiani, questo è poco ma sicuro, non vedono l’ora di assistere.

Nel caso in cui Sinner e Musetti dovessero andare avanti nel torneo, potrebbero presto scontrarsi. E sarebbe una gara imperdibile, che accenderebbe la loro competitività e li spronerebbe, riteniamo, a dare il meglio di sé.

In caso contrario, Jannik potrebbe ritrovarsi davanti una sua vecchia conoscenza. Sì, di nuovo lui, lo stesso Zverev che qualche settimana fa lo ha messo ko al Country Club di Montecarlo al termine di uno dei match più combattuti di questa stagione. Quale che sia il suo avversario, qualora passasse anche il secondo turno, di certo c’è solo che Sinner non avrà quindi vita facile né in un caso e né nell’altro.