Berrettini resta solo: Ajla Tomljanovic se n’è andata

Berrettini dovrà affrontare la gara più difficile da solo: ecco perché la fidanzata Ajla Tomljanovic non è più accanto a lui.

Mentre Matteo Berrettini duellava con Gael Monfils, le telecamere hanno più volte indugiato su Elina Svitolina, che la scorsa estate ha sposato il tennista francese. La numero 6 della classifica Wta era parecchio – e comprensibilmente – nervosa, tanto da aver riversato tutta la sua tensione in una pallina antistress.

Ajla Tomljanovic
©️Getty Images

Gli osservatori più attenti si saranno certamente accorti che qualcun altro, invece, mancava all’appello. In tribuna non c’era traccia di Ajla Tomljanovic. Lady Berrettini non ha saltato neanche una delle ultime partite del suo fidanzato, motivo per il quale la sua assenza è parsa piuttosto strana. E sospetta.

Non ci sarà neanche domani. Salterà pure la gara contro Rafael Nadal, che deciderà chi tra il romano e il maiorchino meriti di passare allo step finale di questi agguerritissimi Australian Open. Ma che cosa sta succedendo tra Ajla e Matteo? Come mai lei si è volatilizzata nel momento più cruciale dello Slam?

Leggi anche: Berrettini-Nadal e l’importanza di essere scaramantici: una gara all’ultimo tic

Berrettini, ecco perché Ajla Tomljanovic se n’è andata

Ajla Tomljanovic
Ajla insieme a mister Diego Moyano (Instagram)

La ragione di questo allontanamento è più semplice ed ovvia di quanto si pensi. Ajla Tomljanovic era ferma da un po’: è stata eliminata a Melbourne al primo turno, ragion per cui aveva assolutamente bisogno di tornare ad allenarsi. Gli atleti del suo calibro, si sa, non possono permettersi il lusso di riposare troppo a lungo.

Ha perciò fatto i bagagli e ha lasciato il suo Matteo solo nella terra dei canguri per fare ritorno in Florida. E lì, come abbiamo appreso dalle foto pubblicate sui suoi profili social, è tornata in campo. Si è già messa sotto, com’è giusto che sia, in vista del prossimo ed importantissimo torneo.

La programmazione stagionale di lady Berrettini prevede che la prossima tappa sia San Pietroburgo. Lì, a febbraio, si giocherà uno dei tanti Wta in calendario. Ecco spiegato quindi perché, malgrado il suo cuore sia rimasto a chilometri e chilometri di distanza, abbia deciso di volare da mister Moyano.