Camila Giorgi non ne può più: “Non capisco le critiche”

Camila Giorgi
Instagram

Camila Giorgi sbotta alla vigilia della nuova stagione: ecco cosa l’ha fatta innervosire e qual è la stata la sua reazione a caldo. 

Durante le festività natalizie, Camila Giorgi si è dedicata al suo hobby preferito. Ha messo da parte le mise da tennista e indossato qualcosa che le sta altrettanto bene: un sensualissimo completino intimo bordato di pizzo. Dopodiché, si è messa in posa e si è lasciata immortalare in tutta la sua incredibile bellezza.

Leggi anche: Berrettini e quel problema che non si vede ma c’è

Perché, e le piace ricordarlo molto spesso, non è solo un’atleta. Camila è soprattutto una donna, peraltro molto seducente, che ama giocare con il suo sex appeal ed esibire sui social network quell’attitude che, per forza di cose, non può fare emergere durante le partite di tennis.

Ora che gli shooting natalizi sono terminati è però tempo, per la campionessa di Macerata, di tornare in campo. Gli Australian Open sono sempre più vicini e questo potrebbe essere un anno decisivo per lei: la stagione della consacrazione, il momento più luminoso della sua carriera.

Camila Giorgi, guai a chi tocca papà Sergio

Camila Giorgi
Instagram

Tra le altre cose, in questi giorni, ha anche rilasciato un’intervista alla Gazzetta dello sport. E si è soffermata, tra un discorso e l’altro, sul rapporto con papà Sergio. Un uomo sui generis, quello è fuor di dubbio, ma che l’ha allenata talmente bene da fare di lei la numero 33 del mondo.

A causa della sua “effervescenza”, si è spesso ritrovato al centro delle polemiche. Cosa che alla bella Camila, a quanto pare, non è andata proprio giù: “Nessuno ti sosterrà come tuo papà, nessuno crederà così in te, l’idea di cambiare allenatore non mi è mai passata per la testa”.

“Per me è il migliore anche in campo – ha detto ancora la Giorgi alla Gazzetta – perché vede tutto, è un saggio di sport, non solo nel tennis. Mi ha portato da zero ad essere al numero 26 al mondo, quindi non capisco molto bene le critiche, dovrebbero valorizzare molto di più il lavoro che ha fatto con me. Adoro lo sport grazie lui, questo è l’insegnamento che mi ha dato, quindi starò con lui fino alla fine della mia carriera, non lo cambierò mai”.